Skip to content

Spettacolo dal vivo, “nessuna ripartenza”: le richieste delle associazioni

Last Updated on 20/09/2021

Tra le richieste delle associazioni, “la prosecuzione dell’erogazione delle indennità COVID-19, interrotta dopo maggio 2021, fino ad almeno sei mesi dopo la cessazione dello stato di emergenza; l’istituzione di un “fondo emergenza COVID 2021″ destinato a coprire le giornate annullate ai lavoratori nel 2021”

Teatro Brancaccio, sala vuota, Massimo Romeo Piparo

La ripartenza? Non è mai avvenuta. E’ la denuncia di 29 associazioni di lavoratori dello spettacolo, tra cui Bauli in piazza. Questi hanno redatto un documento dal titolo “Nessuna giornata storica” da presentare al mondo della politica. Perché “la riforma del settore dello spettacolo che il ministro Franceschini ha definito una legge rivoluzionaria per noi non lo è”.

Elio Germano: “Lo spettacolo dal vivo è ripartito molto poco e solo favorendo grandi nomi”

Questa è stata raccontata come l’estate degli spettacoli dal vivo, ma il nostro mondo – hanno sottolineato gli addetti ai lavori in una conferenza stampa via zoom – ha lavorato in maniera parziale e molti sono stati costretti a cambiare lavoro”. Per questo “serve una vera legge, nonché un supporto al settore”. “Lo spettacolo dal vivo è ripartito molto poco e solo favorendo grandi nomi – ha detto Elio Germano in un contributo video – mentre arte, teatro e musica che nascono dal basso sono fermi. E’ una situazione molto grave e speriamo di essere ascoltati dalle istituzioni”.

Per Germano, come riporta anche l’ANSA, “va fatto uno sforzo mai fatto prima in Italia per considerare gli artisti una categoria, come è definita dallo statuto europeo del 2007: dobbiamo fare lo sforzo di individuare chi sono gli artisti e considerarli in quanto tali, risarcendo chi non ha lavorato. Bisogna restituire dignità a chi fa questo lavoro perché fa un servizio pubblico fondamentale come la sanità e l’istruzione”.

Le associazioni chiedono che la riforma “riconosca la natura discontinua dei lavori dello spettacolo”

Le associazioni, in particolare, chiedono che la riforma “riconosca la natura discontinua dei lavori dello spettacolo, instaurando una misura che, in linea con gli altri paesi europei in termini di durata e accessibilità, tuteli dalla fluttuazione di reddito tipica del settore”. E poi “la prosecuzione dell’erogazione delle indennità COVID-19, interrotta dopo maggio 2021, fino ad almeno sei mesi dopo la cessazione dello stato di emergenza; l’istituzione di un “fondo emergenza COVID 2021″ destinato a coprire le giornate annullate ai lavoratori nel 2021”. Per arrivare infine a “riaprire i luoghi di spettacolo al 100%, come già avviene in tutti gli altri settori”.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: