Skip to content

Apre a Torino “Spazio Lancia”, nuovo cuore urbano per arte e cultura

Il 25 ottobre apre Spazio Lancia, uno spazio espositivo che segna un nuovo capitolo nella storia di Torino. Sorge infatti al primo piano di Palazzo Lancia, per anni sede dell’omonima casa automobilistica e centro nevralgico del tessuto industriale torinese, nonché teatro di sperimentazione nella meccanica e nel design.

Cos’è Spazio Lancia

Lo spazio, completamente rivalorizzato anche sotto il profilo architettonico, sebbene fedele, nelle linee, alla struttura originale, si impegnerà a reinterpretare il ruolo avuto in passato con uno sguardo al futuro: sarà dedicato, infatti, alle mostre e ai nuovi concept e si propone di diventare un luogo di confronto culturale, dove alternare la proposta delle nuove generazioni di artisti e collaborazioni con le grandi istituzioni culturali della città. Sarà possibile per i giovani artisti presentare progetti da esporre, ma anche promuovere iniziative improntate su linguaggi diversi, espressione comunque di estro creativo, dal design alla musica, dalla performance alla danza contemporanea, fino alla moda, al glamour, al food, ai workshop e ai nuovi concept.

Le info sull’evento

Giovedì 25 ottobre alle 18.30 lo spazio apre i battenti presentando l’evento “Grand Opening” e per l’occasione sarà presentata la performance di danza contemporanea a cura di La B. Fujiko. A seguire dj set di Thomas Costantin, mentre il food sarà a cura del brand stellato Casa Vicina (1 stella Michelin e numerosi altri riconoscimenti per ben cinque generazioni di Chef). La B. Fujiko è una delle artiste più significative del contesto underground internazionale. Pioniera del waacking e del voguing, ha partecipato a molti show in Italia e all’estero, nonché a programmi televisivi, eventi e format teatrali. Thomas Costantin è uno dei giovani dj più apprezzati in Italia, protagonista negli ultimi anni della Milano by night e per l’occasione porterà a Torino il suo sound innovativo e coinvolgente. Ingresso solo su invito.

Il progetto di Spazio Lancia

Il progetto è stato ideato e sostenuto dalla Bentley SOA presieduta dalla manager, e collezionista, Tiziana Carpinello. Un esempio di illuminismo corporate, testimoniato dalle varie pubblicazioni artistiche promosse negli anni, tra cui quelle su Alain Fleisher e Pininfarina, o l’inserimento di Palazzo Lancia, diventato sede di Bentley SOA, nel programma delle ultime due edizioni di Open House, o dalla collezione delle sculture di Walter Kopp innestata tra gli uffici. Ora questo impegno si rinnova, con l’idea di riconsegnare a Torino uno spazio dove alimentare la proposta culturale e aperto ad ospitare la progettualità creativa della città.

Facendo ciò si è così assicurato un futuro a un edificio dal glorioso passato. Fu infatti l’architetto Nino Rosani a progettarlo, nel 1953, in collaborazione con lo studio Giò Ponti. Fino ai primi anni Sessanta è stato la sede della celebre casa automobilistica, prima di cambiare più volte destinazione. Adesso si prepara a diventare nuovamente un centro nevralgico nella vita della città.

«Quest’opening – spiega Tiziana Carpinello – da un lato rappresenta la fine di un lungo lavoro progettuale finalizzato a consegnare a Torino uno spazio bellissimo, di proposta e confronto. Dall’altro significa l’inizio di un lavoro di ricerca sul talento, sulle tendenze, sui nuovi linguaggi e sulla contemporaneità. Vogliamo farne un laboratorio aperto alle idee migliori. Ma non mancheremo di presentare una programmazione artistica di livello, con la quale dare accoglienza e sostegno a quanto di nuovo e interessante sta nascendo nella nostra città».

Il restauro

Il restauro di Spazio Lancia è stato un progetto “bifronte”. Da un lato si è voluta preservare e storicizzare l’affascinante struttura preesistente, partorita da Nino Rosani in collaborazione con lo studio Giò Ponti. Mentre dall’altro si è lavorato alla trasmissione di un mood avveniristico e decisamente “urban”. Infine il restyling, di natura contemporanea e ultrafunzionale, è a cura dell’architetto Marco Gennaro.

L’intero piano, negli anni dell’attività Lancia, era stato trasformato in locale archivio. Mentre le originali e caratteristiche travature triangolari della struttura centrale erano state occultate per creare dei vani chiusi atti al contenimento. Uno dei principali obiettivi del progetto è stato quindi quello di recuperare queste travi possenti in cemento armato. Queste appaiono adesso come la spina dorsale dell’intero ambiente espositivo. Di queste sono state conservate la struttura a titolo di memoria dell’attività svolta precedentemente. Invece sono stati aperti i tamponamenti per poter meglio apprezzare le parti strutturali.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI UOZZART

Leggi anche:

7 Comments »

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: