Skip to content

Audrey Azoulay, Unesco: “le ripercussioni della pandemia sulla cultura più gravi del previsto”

La produzione musicale perde 10 miliardi di dollari. Il mercato del libro, invece, riporta una riduzione del 7,5%. Nell’industria cinematografica tagli a 10 milioni di posti di lavoro. Nelle gallerie d’arte un terzo del personale è a casa. Audrey Azoulay: “La cultura ci ha aiutato ad uscire dalla crisi. Ora dobbiamo aiutarla”.

Le conseguenze economiche della crisi del Covid-19 hanno colpito la cultura più gravemente del previsto. A dirlo è addirittura l’UNESCO. L’agenzia delle Nazioni Unite ha analizzato le misure del governo per aiutare il settore in diversi paesi. Durante i sei mesi di reclusione sociale, la produzione musicale potrebbe aver perso più di 10 miliardi di dollari in sponsorizzazioni e sostegno istituzionale. Il mercato del libro, invece, dovrebbe subire una riduzione del 7,5% a causa della crisi. Audrey Azoulay, Direttore generale dell’organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura: “La cultura ci ha aiutato ad uscire dalla crisi. Ora dobbiamo aiutarla”.

Le conseguenze mondiali della pandemia sulla cultura

Nell’industria cinematografica, 10 milioni di posti di lavoro potrebbero essere stati tagliati solo quest’anno e un terzo delle gallerie d’arte ha dichiarato di aver ridotto il personale. In una nuova guida, l’Unesco evidenzia la chiusura di cinema, teatri e librerie. Inoltre, molti artisti sono rimasti senza opportunità di lavoro. L’UNESCO ricorda che la cultura concentra 30 milioni di posti di lavoro. Il direttore generale dell’agenzia, Audrey Azoulay, afferma che è necessario aiutare il settore a uscire dalla crisi e promuovere la diversità culturale.

Posti tagliati nei settori del cinema e dell’arte

La guida Unesco per aiutare il settore della cultura a uscire dalla crisi generata dalla pandemia prevede tre principali linee di azione che i governi possono intraprendere, come sostenere artisti e professionisti del settore, rafforzare la concorrenza delle industrie creative e culturali e sostenere indirettamente le loro azioni. L’agenzia delle Nazioni Unite ha citato gli esempi di Uruguay, Filippine e Zimbabwe, che hanno istituito fondi per sostenere gli artisti durante la pandemia.

Come gli altri Paesi hanno reagito alla pandemia

La Germania e gli Emirati Arabi Uniti hanno proposto di acquistare le opere degli artisti oltre a ordinare le opere durante la quarantena. Dopo la pandemia, molti spettacoli sono stati fatti online, ma con il 46% della popolazione mondiale ancora senza accesso a Internet, quasi la metà del mondo rimane senza accesso alla cultura e agli artisti senza contatto con il pubblico.

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

1 Comment »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: