Skip to content

Le Fabulae di Alessandro Angeletti alla Medina Art Gallery di Roma

Apre oggi la mostra “Fabulae”, con le opere di Alessandro Angeletti, alla Medina Art Gallery, visitabile sino al 15 dicembre 2022

Apre oggi la mostra “Fabulae”, con le opere di Alessandro Angeletti, alla Medina Art Gallery di Roma, visitabile sino al 15 dicembre 2022.

Scopri le altre mostre di Roma su Uozzart.com

Le opere in mostra

Tra fiaba e cromatismi Espressionisti sono i colori di Angeletti. Forti, accesi, vividi. Nel solco dei fauve, dei folli artisti vicini a Matisse, ma con lo sguardo verso la pop art, quell’universo onirico del secondo ‘900, fatto di sperimentazioni, simboli e cromatismi fantasmagorici. Non c’è modo migliore di parlare di fiabe in quest’ora, quando, superato il primo ventennio del XXI secolo, tutto ha assunto le tinte del grigio e della nevrosi, della corsa sfrenata verso l’effimero, che non si sazia mai, bensì fagocita individui e allegria.

Tornare alla favola è come mettere la prima tessera di un nuovo puzzle, in qualche modo ricominciare dalla semplicità nel gioco della vita, ribadendo concetti essenziali dell’esistenza con le parole speciali che solo l’infanzia sa donare. E questa alternanza di incanto e morale, di cui i racconti sono pregni, non può che essere espressa da cromatismi visionari, che aiutano gli adulti a ripescare nel proprio inconscio le parti bambine di cui siamo fatti, anche se cresciuti in corpi che poco somigliano alle festose istantanee del passato.

Le sue tavole si trasformano in illustrazioni non solo delle fiabe, ma dei caratteri, delle espressioni e delle movenze

Gli animali dipinti da Angeletti hanno tratti antropomorfi – spiega Caterina Brazzi nel suo testo critico – Perfetti dunque sono per rappresentare quelle sfumature selvagge dei temperamenti umani, quelle che esistono in ciascuno di noi, sopite o risvegliate dalle vicende dell’esistenza. Le sue tavole così si trasformano in illustrazioni non solo delle fiabe, ma dei caratteri, delle espressioni e delle movenze che spesso acquisiamo nella vita, quando ci dimentichiamo di guardare al di là del nostro naso e, anche noi, come l’universo intorno, diventiamo grigi e senza anima. Qui interviene il colore, quasi a risvegliarci, trasformando l’immagine in qualcosa di così vitale che non può non scuoterci, in un fremito che spinge a ricordarci di sorridere, perché si, le difficoltà esistono, ma anche i lieto fine.
Parole, colori, elementi figurativi che si miscelano in sfondi fatti di campiture allungate, circolari, nelle quali scorgere simboli e linguaggi primitivi, un palinsesto artistico mai banale, questa la cifra stilistica di Angeletti. Dove l’antico riemerge nel contemporaneo, come l’infanzia nei nostri volti di adulti, quando ci concediamo di credere alle favole.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco annunci

La pubblicità è il motivo per cui il nostro magazine è gratuito.
Supporta Uozzart disattivando il blocco degli annunci.

OK
Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock