Roberta Damiata, la “direttora” di Eva3000 premiata da “Storie di donne”

La giornalista Roberta Damiata sarà la protagonista femminile prescelta dalla prima edizione di “Storie di Donne”, evento italiano sul mondo femminile che si snoderà tra arte, cultura e spettacolo fino al giorno 8 dicembre; l’attuale direttrice del magazine a distribuzione nazionale Eva3000 verrà intervistata a Villa Eur a Roma dalla collega Camilla Nata, ed alla fine premiata con un prezioso riconoscimento firmato dal Maestro Scultore Valerio Capoccia, creato appositamente per questa occasione.

 

Storie di Donne
LA KERMESSE – Inauguratasi lo scorso 25 novembre ed organizzata dall’Associazione Occhio dell’Arte in collaborazione con Hotel Villa Eur, la kermesse prevede durante il suo svolgersi la partecipazione di molte donne, note al grande pubblico e non, che faranno parte del programma contenutistico di questa prima edizione attraverso incontri con il pubblico, e che daranno il loro generoso contributo umano volontario per arricchire lo spessore di questa manifestazione, che nelle intenzioni degli organizzatori dovrà ripetersi in maniera ricorsiva, ogni anno, ospitando voci artistiche, culturali e dello spettacolo via via diverse per tematiche e angolazioni di veduta. Nel corso di ogni edizione, una donna in particolare sarà premiata per la sua capacità di raccontare tante “storie di donne” in maniera articolata e professionale.

Roberta Damiata

ROBERTA DAMIATA – La prima “Donna” di “Storie di Donne” sarà proprio lei: Roberta Damiata. Variegata davvero la sua esperienza lavorativa. Rilevante ai fini dell’assegnazione di questo riconoscimento, la presenza di Roberta  nella ideazione di importanti progetti editorali in un mondo altamente competitivo e spesso occupato da uomini nelle cariche più alte, ed il suo ruolo direttivo responsabile ottenuto con meriti sul campo in prestigiose riviste, molte delle quali a sfondo e contenuti femminili. Specializzata in argomenti di costume, gossip, cronaca, e forte dei ruoli avuti in carriera con mansioni anche di coordinamento redazionale di svariati magazine per lo più coniugati in rosa, lo staff del premio ha ritenuto di assegnare a lei quest’anno un riconoscimento che potesse sottolineare la sua capacità di raccontare tante “storie di donne” attraverso un talento giornalistico espresso in chiave moderna e con accenti tipici della modernità, celebrando spaccati visivi e concettuali sottesi alla società dell’immagine e della comunicazione.

INFO – L’ingresso non sarà libero bensì su lista, e prevederà una reservation fino ad esaurimento posti contattando l’indirizzo mail occhiodellarte@gmail.com. Ad allietare gli ospiti, anche un intermezzo musicale del violinista Gaspare Maniscalco e, durante il fashion party che seguirà l’intervista e la premiazione, anche un breve reading poetico omaggio alla Donna dalle poesie di Michela Zanarella, con l’ausilio del regista Giuseppe Lorin e l’attrice Chiara Pavoni.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI UOZZART

Leggi anche: