Skip to content

Roma – Un incredibile affresco nella chiesa di Sant’Alessio all’Aventino

Last Updated on

Nascosto da un muro per quasi 900 anni, riemerge a Roma in un’intercapedine, un grande affresco medievale dai lucenti colori in incredibile stato di conservazione

Affresco nella chiesa di Sant'Alessio
Affresco nella chiesa di Sant’Alessio

Una eccezionale scoperta è stata fatta a Roma, nella chiesa di Sant’Alessio all’Aventino. Nascosto da un muro per quasi 900 anni, è riemerso in un’intercapedine un grande affresco medievale dai lucenti colori in incredibile stato di conservazione. Questo riproduce un pellegrino con un grande mantello color porpora. E con la mano alzata quasi a voler presentare la maestà del Cristo che accanto a lui benedice i fedeli.

Scopri gli altri luoghi di Roma di Uozzart.com

L’incredibile scoperta nella chiesa di Sant’Alessio dell’Aventino

“Un ritrovamento assolutamente eccezionale”, ha spiegato all’Ansa la storica dell’arte Claudia Viggiani, autrice della scoperta, “anche per l’iconografia rarissima dei due personaggi che si riconoscono nella parte del dipinto al momento visibile, con tutta probabilità proprio Sant’ Alessio e il Cristo pellegrino”. Il dipinto, assolutamente inedito, è stato messo in sicurezza dalla restauratrice Susanna Sarmati con un progetto finanziato dalla Soprintendenza Speciale di Roma guidata da Francesco Prosperetti.

Leggi gli altri articoli “architettonici” di Uozzart.com

Un affresco medievale di quasi 900 anni rimasto intatto

Riferibile alla metà del XII secolo, l’affresco è realizzato su sfondo nero e inquadrato da una cornice policroma di “eccezionale raffinatezza e dai colori ancora incredibilmente intatti”. Anzi, come sottolinea la restauratrice Sarmati, “In nessun affresco medievale si è mai vista una cornice così ben conservata”. Attualmente il dipinto misura 90 centimetri di larghezza per oltre 4 metri di altezza. Un’altra porzione, grande almeno altrettanto, è ancora nascosta dal muro. La storica dell’arte è decisa a riportarla alla luce: “Lo dobbiamo ai romani – dice – e ci aspettiamo ancora sorprese”.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK E TWITTER  DI UOZZART

2 Comments »

  1. In realtà si tratta di una “riscoperta” dato che l’affresco già si conosceva da almeno dieci anni! La studiosa pubblicò un articolo anni fa su questa affresco con San’Alessio e Cristo pellegrino! In ogni caso bellissimo!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: