Skip to content

Luxardo e il cinema, i grandi volti del cinema italiano alla Casa del Cinema

Last Updated on

Da giovedì 17 ottobre sino al 1° dicembre l’esposizione del “fotografo delle dive” Elio Luxardo realizzata in occasione della Festa del Cinema di Roma. In mostra le foto di Alberto Sordi, Sofia Loren, Vittorio De Sica e Gina Lollobrigida

Una raccolta di 32 scatti di Elio Luxardo, artista noto per essere il fotografo delle dive e dei divi di Cinecittà, realizzata in occasione della Festa del Cinema di Roma. L’esposizione propone una collezione di immagini dei più noti protagonisti del cinema italiano del ‘900. Tra questi Alberto Sordi, Sofia Loren, Vittorio De Sica e Gina Lollobrigida. Tutte le opere, esposte fino al 1° dicembre, appartengono all’archivio di Fondazione 3M, istituzione culturale permanente di ricerca e formazione e proprietaria di uno storico archivio fotografico di circa 110 mila immagini. In collaborazione con Daniele Luxardo, nipote del celebre fotografo. E curata dal critico fotografico Roberto Mutti.

Leggi gli altri articoli cinematografici di Uozzart.com

Le opere in mostra

Fondazione 3M intende rendere omaggio ai grandi volti del cinema italiano. Da grande appassionato di cinema, Elio Luxardo aveva imparato sul set a utilizzare in maniera innovativa le luci per valorizzare i volti. Nei suoi scatti, il fotografo riesce infatti a far emergere le caratteristiche di ognuno dei suoi soggetti. Sottolineando l’ironia di uno sguardo e la forza seduttiva di un altro, le posture più classiche e quelle insolite. Le opere di Luxardo trasmettono inoltre un senso di plasticità, grazie alla scelta delle riprese laterali, che vedono corpi e volti occupare lo spazio in diagonale.

Scopri le mostre di Roma su Uozzart.com

Chi è Elio Luxardo

Elio Luxardo (1908-1969), nato da genitori di origini italiane in Brasile, si afferma inizialmente come autore di documentari, imparando il mestiere della fotografia dal padre, fotografo di professione. Trasferitosi a Roma, si iscrive al Centro Sperimentale di Cinematografia col sogno di diventare regista. Abbandona però quasi subito la scuola per entrare nello studio del fotografo Sem Bosch e ne rileva l’attività affermandosi rapidamente come ritrattista. Proprio in questa veste, il fotografo è stato in particolar modo apprezzato dai divi di Cinecittà per la sua capacità di ricercare la bellezza nei volti e nei corpi, e di realizzare scatti che non erano mai ripetitivi.

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: