Skip to content

I capolavori di Roma: la Colonna di Marco Aurelio in Piazza Colonna

Last Updated on

La colonna di Marco Aurelio venne eretta tra il 176 e il 192 per celebrare, forse dopo la sua morte, le vittorie dell’imperatore romano (161-180). Questa, alta circa 30 metri, 42 se si considera anche la base, sin dall’inizio si trova lì, nel cuore del centro storico romano…

Un altro monumento, un altro capolavoro: stavolta parliamo della Colonna di Marco Aurelio, sempre sotto gli occhi di tutti ma mai, ahimè, sufficientemente considerata. Si trova in Piazza Colonna, denominata così proprio per tale monumento, la stessa in cui si trova anche palazzo Chigi, fatto costruire nel XVI secolo da Pietro Aldobrandini, oggi sede della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Scopri gli altri luoghi di Roma di Uozzart.com

Un omaggio a Marco Aurelio

La colonna venne eretta tra il 176 e il 192 per celebrare, forse dopo la sua morte, le vittorie dell’imperatore romano Marco Aurelio (161-180). Questa, alta circa 30 metri, 42 se si considera anche la base, sin dall’inizio si trova lì, nel cuore del centro storico romano. Il monumento, coperto di bassorilievi, è ispirato alla Colonna Traiana. Il fregio scultoreo che si arrotola a spirale intorno al fusto è lungo ben 110 metri.

Dettagli e misure del monumento

Questa è formata da 27 enormi rocchi sovrapposti di marmo lunense, con diametro che varia da 3,80 a 3,65 metri. I rocchi sono scavati all’interno, così da formare una scala a chiocciola di 203 gradini che sono illuminati da piccole feritoie e che portano al “terrazzino” che si trova in cima e che chiude il capitello di ordine dorico. Sulla sommità un tempo vi era la statua in bronzo dorato di Marco Aurelio, poi distrutta nel Medioevo. Pertanto, l’intero complesso misurava quasi 50 metri.

Come la colonna è cambiata negli anni

La colonna fu fatta erigere dal figlio di Marco Aurelio, Commodo, durante il suo impero (180-192), insieme agli otto pannelli che ornano l’attico dell’arco di Costantino ed ai tre conservati nei Musei Capitolini e che, in realtà, erano originariamente destinati a qualche monumento ufficiale, forse un arco onorario. Il basamento era ornato da una serie di bassorilievi che furono distrutti durante la ristrutturazione voluta da papa Sisto V ed eseguita da Domenico Fontana, nel 1589. Fu sostituito con un’iscrizione che riporta la errata dedica ad Antonino Pio.

Gli eventi raffigurati sulla colonna

La cronologia degli avvenimenti è molto incerta, ma si ipotizza che raffiguri le campagne militari che si svolsero dal 168 al 172, nella prima parte della colonna, fino alla rappresentazione della Vittoria, e dal 173 al 174 nella seconda parte. Nei bassorilievi, considerati meno raffinati rispetto alla colonna di Traiano, viene frequentemente rappresentata la figura dell’imperatore. Le rappresentazioni sono caratterizzate da uno stile popolare, che stava iniziando a sostituire quello più classicistico.

Appassionati di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine Facebook, Twitter e Google News

2 Comments »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: