Skip to content

Spettacolo dal vivo, come cinema e teatri riapriranno dal 26 aprile

Dal 26 aprile, in zona gialla, “gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza”. Ma con quali condizioni e prospettive?

Teatro Brancaccio, sala vuota, Massimo Romeo Piparo

Con il ritorno delle zone gialle, lo spettacolo dal vivo, in teoria, ricomincia a vivere. Forse. Dal 26 aprile, in zona gialla “gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale”.

Confermato, inoltre, il coprifuoco dalle 22 alle 5

Questo è quello che si dichiara con una bozza, ancora suscettibile di modifiche, del decreto legge Covid atteso in Cdm oggi. Le misure, scaglionate a partire dal 26 aprile come anticipato la scorsa settimana dal governo, dovrebbero restare in vigore fino al 31 luglio. Entro questa data dovrebbe infatti essere disposta la proroga dello stato d’emergenza Covid. Viene confermato, inoltre, il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Il problema dell capienza

Le attività dovranno svolgersi solo con “posti a sedere preassegnati” con distanza di almeno un metro. La capienza non può essere superiore al 50% di quella massima, ma al massimo con 1.000 spettatori all’aperto e 500 al chiuso. Alcuni eventi si potranno riservare solo a chi abbia certificato verde. Dall’1 giugno si potrà andare a eventi sportivi con capienza degli stadi o palazzetti non superiore al 25% e non più di 1.000 spettatori all’aperto e 500 al chiuso.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter.

1 Comment »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: