Skip to content

150mila visitatori per il Salone Internazionale del Libro di Torino. Il bilancio di Nicola Lagioia

Grande successo per la più grande manifestazione italiana dedicata all’editoria. Il direttore del Salone Internazionale del Libro Nicola Lagioia: “Persone di tutte le provenienze e di tutte le età sono arrivate al Lingotto. In più, c’è stato per la prima volta un abbassamento sensibile dell’età media

“Sfogliare un libro fa poco rumore, arriva difficilmente alle cronache. Ma se lo fanno in centinaia di migliaia, insieme, nello stesso posto e negli stessi giorni, danno un segnale che non può essere ignorato.” Con queste parole Nicola Lagioia, direttore del Salone Internazionale del Libro, ha commentato sul suo profilo Facebook, a ridosso della chiusura, l’ultima edizione della più grande manifestazione italiana nel settore dell’editoria. Il Salone del Libro si è nuovamente tenuto in presenza al Lingotto di Torino, dopo la parentesi digitale del 2020, stavolta eccezionalmente dal 14 al 18 ottobre (a differenza dell’abituale appuntamento a maggio).

Circa 150mila visitatori, con una media del 50% in più di vendite negli stand delle case editrici

Circa 150mila visitatori, con una media del 50% in più di vendite negli stand delle case editrici, hanno consacrato il successo di questa trentatreesima edizione, anche e soprattutto rispetto all’ultima edizione in presenza del 2019. “Esiste anche questo paese, è una parte importante del paese – continua il post di Nicola Lagioia –  Non commettete l’errore di ignorarlo. Persone di tutte le provenienze e di tutte le età sono arrivate al Lingotto. In più, c’è stato per la prima volta un abbassamento sensibile dell’età media, tantissimi giovani e giovanissimi, facce che al Salone non si erano mai viste. È successo qualcosa.” L’appello, quindi, alla politica e all’imprenditoria, affinché investano nel settore dell’editoria.

Vita Supernova è stato il tema scelto per la XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino

Una rinascita, una riapertura il cui significato va sicuramente oltre la mera valutazione dei numeri: per questo grande evento post pandemia, simbolo di ripresa, Vita Supernova è stato il tema scelto per la XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino.

“La supernova è una stella che esplode. La sua energia può essere utile o distruttiva, la sua luce può accecare o illuminare. Il mondo dopo il covid-19 è la grande incognita che ci troviamo a decifrare e avremo bisogno di uno sguardo lungimirante per costruire un futuro in cui valga la pena di vivere. Ci sarà bisogno di coraggio, intelligenza, senso di responsabilità, immaginazione. Il Salone è un formidabile laboratorio di idee, dove i temi più urgenti trovano un’occasione di dibattito. In uno dei periodi più incerti e complicati della storia recente, il libro si è dimostrato un approdo più solido che mai. E ha offerto a lettrici e lettori di ogni età una possibilità di conforto, riflessione, consolazione, compagnia. Vita Supernova parte da questa consapevolezza, e da qui guarda al futuro. “

AIE, aumento delle vendite che indica circa 72 ml di copie vendute in questi ultimi 9 mesi

Un successo, quindi, non solo della manifestazione, che ha ospitato moltissimi ospiti italiani e internazionali, ma anche del settore dell’editoria in generale, come evidenziato anche dalla ricerca dell’AIE (Associazione Italiana Editori) sull’andamento del mercato di varia (romanzi e saggi venduti nelle librerie e nella Gdo) in Italia nei primi 9 mesi del 2021, presentata proprio al Salone Internazionale del Libro il 15 ottobre.

Un aumento delle vendite che indica circa 72 ml di copie vendute in questi ultimi 9 mesi, evidenziando un aumento del 31% rispetto al 2020 e del 18% confrontati al 2019. Una crescita che attraversa in modo trasversale tutti i generi. E che evidenzia un nuovo sorpasso delle librerie fisiche rispetto all’online come primo canale di vendita. Una crescita costante, quindi, che si confida continui anche in vista del periodo natalizio, quando le previsioni si aspettano un aumento che varia tra l’11% e il 16%.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: