Skip to content

Garavaglia, “Un’estate senza Green Pass”

“Non vedo perché a giugno dovremmo ancora avere operativo il certificato verde”: sono le parole del Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, che propone un ritorno alla quotidianità senza Green Pass. In arrivo nuove misure per agenzie di viaggio, tour operator, bus turistici e alberghi

Garavaglia, “Riaprire per non chiudere più”: le linee programmatiche del dicastero del Turismo

La pandemia da Covid-19 sta arretrando: diminuiscono giorno dopo giorno contagi e ricoveri in terapia intensiva. Il governo Draghi si sta muovendo da giorni verso un graduale ritorno a una sorta di normalità, con l’estensione del Green Pass a illimitato (per chi ha il booster o due dosi e guarigione), lo stop alle mascherine all’aperto, le restrizioni delle zone rosse solo per i non vaccinati e le quarantene ridotte per tutti. E sebbene si inviti alla tutela, c’è invece chi si lascia andare a rosee prospettive. Proprio come il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, che propone un’estate senza Green Pass.

“Non vedo perché a giugno dovremmo ancora avere operativo il certificato verde”

“Il Covid – spiega in un’intervista a Il Messaggero – è ai titoli di coda, la situazione sta tornando sotto controllo”. Quindi il monito all’esecutivo e alla maggioranza: “Non vedo perché a giugno dovremmo ancora avere operativo il certificato verde”. Garavaglia è infatti convinto che l’Italia abbia regole troppo rigide rispetto agli altri Paesi europei e agli Usa, soprattutto per l’ingresso dei turisti.

Ampliamento dei corridoi turistici Covid-free per le mete extra Ue

Le mete selezionate sono: Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana ed Egitto (limitatamente a Sharm El Sheikh e Marsa Alam), Cuba, Singapore, Turchia, Tailandia (limitatamente all’isola di Phuket), Oman e Polinesia francese. In tutte queste mete i viaggiatori sono esenti dalla sorveglianza sanitaria e dall’isolamento fiduciario. Devono però mostrare un modulo con le informazioni relative agli spostamenti e alla permanenza nel Paese, oltre che sottoscrivere una polizza Covid.

In arrivo nuove misure per agenzie di viaggio, tour operator, bus turistici e alberghi

Dopo l’intervento economico del decreto Sostegni ter, che ha destinato al turismo 413 milioni di euro, il ministro ha poi annunciato che arriveranno misure (come la decontribuzione per sei mesi) per agenzie di viaggio, tour operator, bus turistici e alberghi. Per quest’ultimi potrebbe esserci anche uno sconto sull’Imu.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: