La street art italiana conquista New York

Dall’America all’Italia, dall’Italia all’America: tornare lì, dove questa forma d’arte urbana è nata negli anni Settanta, arricchita dal background culturale italiano. E’ questo il controverso destino di dieci artisti contemporanei, le cui opere offrono una panoramica variegata e sfaccettata della street art italiana. La mostra “From Street to Art” è in scena a New York fino al 20 agosto 2014: ad ospitare i lavori è proprio l’Istituto italiano di cultura che ha concesso i suoi spazi ai nomi e ai percorsi artistici che hanno contrassegnato questa forma artistica negli ultimi vent’anni. 

From Street to Art

Dagli spazi urbani al museo, dal museo agli spazi urbani: i dieci, Agostino Iacurci, Aris, BR1, Cyop&Kaf, Dem, Eron, Hitnes, Sten&Lex, Ufo5, 2501, sono accomunati da questo amore spasmodico nei confronti della strada, dall’approccio spaziale dell’opera e il suo relazionarsi con la città, ma hanno dissimili modi di dipingere e sostanziali differenze nei contenuti che esprimono. E, soprattutto, non hanno intenzione di abbandonare il loro stile per quello decisamente più classico, tipico delle sale museali.

Lo scopo è mostrare lo sviluppo di una nuova generazione di artisti italiani che condividono il titolo di Street Artist grazie ad una forte presenza urbana e all’approccio spaziale della loro opera, ma che hanno dissimili modi di dipingere e sostanziali differenze nei contenuti che esprimono, con equilibrio e maturità, anche in galleria.

L’idea è nata dal direttore dell’istituto, Fabio Troisi, e a curarla è Simone Pallotta, dal 2006 impegnato nella diffusione di Arte Contemporanea nello spazio pubblico. Al momento, è impegnato in SanBa2014, un nuovo ed ambizioso progetto di Arte Pubblica, focalizzato su un intero quartiere della periferia romana, San Basilio.   

Anche pubblicato su Lastampa.it

Per tutti gli aggiornamenti, segui la pagina Facebook di Uozzart.