Girando a Cinecittà: la nuova mostra racconta 70 anni del cinema

Oltre 120 titoli di film che sono stati realizzati dal 1937 agli anni ‘90, otto nuovi ambienti dedicati ai periodi storici fondamentali del cinema italiano e internazionale a Cinecittà: è Girando a Cinecittà, la nuova mostra ospitata negli storici studi di Cinecittà che racconta 70 anni di storia del cinema attraverso i generi più importanti e significativi che hanno lasciato un segno nell’immaginario collettivo.

cinecittà

I grandi film delle origini, il drammatico periodo della guerra e del neorealismo che ne seguì, l’arrivo delle produzioni americane e il fenomeno del divismo. Dalla Hollywood sul Tevere, avvolti dalle immagini, fotografie e costumi dell’epoca si arriva al periodo dei film sulla Roma antica, quando a Cinecittà le produzioni in corso erano Quo Vadis?, Cleopatra, Ben Hur, ma anche quei tanti peplum italiani dedicati alle fatiche di Ercole e alle imprese di Maciste.

Attraverso la suggestione di scenografie che arricchiscono e caratterizzano ciascun ambiente, si arriva al periodo della commedia italiana: in una scenografia che richiama il film I soliti Ignoti, ci si immerge in uno dei più prolifici periodi di produzione filmica italiana che ha visto fiorire i nomi di tanti comici e interpreti.

La mostra presenta un’inedita selezione di costumi originali indossati da Liz Taylor e Richard Burton nei film Cleopatra e la Bisbetica domata, da Peter Ustinov in Quo Vadis?, da Alida Valli e Farley Granger in Senso, da Clint Eastwood in Per un Pugno di Dollari, da Totò in L’Oro di Napoli. Ma anche omaggio a Pier Paolo Pasolini, con i costumi disegnati da Danilo Donati per Storie Scellerate diretto da Sergio Citti.

Il nuovo percorso prosegue con un approfondimento sui film di genere che hanno caratterizzato la produzione italiana negli anni ’70 e ’80, quando i film spaziavano dai polizieschi alla commedia sexy, fino alle pellicole di respiro internazionale come L’Ultimo Imperatore di Bernardo Bertolucci.

ok

E’ dedicata agli Spaghetti western una sezione della mostra: siamo nelle atmosfere dei saloon e dei duelli a cielo aperto, dagli anni ’60 fino al Quentin Tarantino di Django Unchained che mette in luce un periodo produttivo ed un genere tutto italiano che ha influenzato il modo di fare western negli USA.

La conclusione di questo viaggio in settant’anni di storia si conclude con un grande omaggio al maestro Sergio Leone, in una saletta di proiezione circondata dalle scenografie ispirate a C’era un Volta in America.

Prodotta da Giuseppe Basso per Cinecittà Studios, Girando a Cinecittà è stata realizzata grazie al contributo di Istituto Luce Cinecittà – Archivio Luce, RAI Teche, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale e tanti altri prestatori italiani ed internazionali. La mostra è curata da Alida Cappellini e Giovanni Licheri, autori delle scenografie e degli allestimenti. La sezione dei filmati è stata affidata a Italo Moscati mentre i costumi sono a cura di Nicoletta Ercole.

Il nuovo percorso si affianca agli altri due preesistenti: Perché Cinecittà-1935- 1945 inaugurato a dicembre 2013 e dedicato alle ragioni storiche della nascita degli Studios e Backstage-Un Percorso Didattico Per Cinecittà, inaugurato nel 2012 e dedicato alle fasi di realizzazione di un film, sezione che, nel corso del 2015, si trasformerà in un percorso interattivo e digitale.

FOTOGALLERY – 

Per tutti gli aggiornamenti, segui la pagina Facebook di Uozzart.

Leggi anche:

Domenica 25 gennaio si entra gratis nei Musei Vaticani

A Palazzo Braschi un secolo di storia del cinema attraverso l’arte dei grandi costumisti italiani

L’Italia dell’alta moda del dopoguerra è “Bellissima”

Hans Memling: la mostra delle Scuderie del Quirinale in 15 scatti

Body Worlds – The Cycle of Life: dal 16 ottobre la nuova “scandalosa” mostra a Roma – Fotogallery