Skip to content

Il grande cinema a Roma: “L’odore della notte” di Claudio Caligari

Secondo film di Claudio Caligari, L’odore della notte è una stora vera, ambientata in una Roma cupissima, con Valerio Mastandrea, Marco Giallini e Giorgio Tirabassi

“L’odore della notte” di Claudio Caligari, 1999

Dopo il successo di critica di Amore Tossico, nel 1983, la carriera di Claudio Caligari sembrava dovesse spiccare il volo, invece una serie di problemi di distribuzione della pellicola e di progetti mai decollati costrinsero il regista piemontese ad attendere 16 anni per poter realizzare il suo secondo film.

Leggi gli altri articoli “cinematografici” di Uozzart.com

La trama del film

“L’illegalità era il mio mestiere. Uscivo spinto da qualcosa di furioso che mi soffiava alle spalle, affamato di prede e violento come un animale che non ha abbastanza spazio”. È il protagonista Remo Guerra (Mastandrea) che parla, nei primi secondi del film, descrivendo le notti passate in giro per la capitale in cerca di vittime da pestare e rapinare, in compagnia dei suoi complici.

Remo di giorno è un poliziotto, ma di notte passa dall’altra parte della barricata, spinto dalla rabbia e dalla voglia di rivalsa nei confronti di chi, nella vita, ha avuto più fortuna di lui. La sua, in un certo senso, è una lotta di classe: ogni notte esce dalla borgata e punta ai quartieri alti, ai signori in Mercedes e alle signore impellicciate, e, pistola alla mano, chiede “un po’ di roba per me”.

“Io ero in guerra” dice il protagonista, ma è una guerra combattuta male e ad armi impari e non porterà nulla di buono.

L’odore della notte – Mastandrea e Giallini

Roma e L’odore della notte

A differenza dei suoi altri due film, per L’odore della notte Claudio Caligari si allontana da Ostia e si addentra nelle strade e nelle case di Roma, alternando le borgate ai quartieri alti. Se per mostrare la borgata in cui vivono Remo e la sua banda si è principalmente concentrato in zona Casilina e Tor Pignattara, per i quartieri più lussuosi ha scelto le piazze e le ville dei quartieri Coppedè, Collina Fleming, Aventino, Palatino.

Leggi anche “Il grande cinema a Roma: L’ultimo uomo sulla Terra”

Il nostro commento

Ispirato al libro del giornalista Dido Sacchettoni, “Le notti di arancia meccanica”, L’odore della notte è un noir sopra le righe e fortemente influenzato dei poliziotteschi degli anni ’70. È un film politico, ma anche una grande dichiarazione d’amore di Caligari al cinema di Scorsese, in particolare a Taxi Driver, di cui il regista omaggia almeno un paio di scene, e forse da cui prende spunto anche per la vena ironica, quasi comica, di alcune situazioni, come ad esempio il divertente cameo di Little Tony che, pistola alla tempia, canta Cuore Matto.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK E TWITTER  DI UOZZART

1 Comment »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: