Skip to content

Il bianco e nero di Monica Ferrando in mostra al Museo Carlo Bilotti

Last Updated on

Aprirà sabato 7 marzo, sino al 6 settembre 2020, la nuova mostra pittorica di Monica Ferrando, presso Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese. A cura di Marco Vallora.

Aprirà sabato 7 marzo, sino al 6 settembre 2020, la nuova mostra pittorica di Monica Ferrando, presso Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese. La personale propone una prospettiva dinamica, come in un haiku o in un surimono, il vuoto, il puro bianco o il puro nero della tela. A cura di Marco Vallora.

Aggiornamento: causa coronavirus, le date sono cambiate. Quelle presenti in questo articolo sono già state corrette.

Scopri le mostre di Roma su Uozzart.com

Le opere in mostra

La mostra presenta due serie di quadri, una bianca e una nera. Tradizionalmente coperta da uno sfondo, viene qui resa attiva come parte integrante dell’immagine: come una soglia del visibile e una prospettiva concreta verso un invisibile ignoto. Il visibile liberato dal suo sfondo e dal suo contesto resta tuttavia aperto e in balìa della luce: esso proietta un’ombra, ma non nel luogo – suolo, muro o parete – dove lo vediamo stare, ma sulla tela bianca dove va a posarsi la sua immagine attraverso il gesto pittorico. Una prospettiva tale da non poter rientrare comodamente in un solo concetto, ma sollecitata da un libero gioco di concetti tutti ugualmente e pittoricamente plausibili.

” E’ la notte del corpo e della memoria, della mente e della materia”

Ho lavorato a lungo col fondo oro, non dipingendo nulla che non avesse questa specie di segreta legittimazione “trascendente” che sembra coincidere con la luce: era la convinzione profonda trasmessa dalla tradizione  delle icone, che abbracciavo e cercavo di trasferire alla pittura tout court. Poi ho visto che il fondo tendeva sempre di più a salire in superficie, arrivando anche a cancellare le figure dipinte.

Questo affiorare del fondo ha portato, a un certo punto, alla negazione di ogni fondo, lasciando che apparisse la tela bianca senza preparazione e intervento alcuno. Oppure la tela nera, intatta. Il nero dischiude possibilità inconfessabili. E’ la notte del corpo e della memoria, della mente e della materia dopo la loro consumazione nell’attesa della prossima vita. Qui, nella cecità dell’occhio e nell’assenza dell’oggetto, ho inseguito con la pittura quella forma della Terra chiamata paesaggio, cercando di rendermela vicina e di portarne alla luce almeno un lembo.

Orari, costi e indirizzo

Luogo: Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese.
Indirizzo: Piazza Navona, 10, Roma.
Date: dal 7 febbraio al 6 settembre 2020.
Orari: da martedì a venerdì e festivi ore 10.00 – 16.00 (ingresso consentito fino alle 15.30). Sabato e domenica ore 10.00 – 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.30).
Ingresso: libero.

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine Facebook, Twitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: