Skip to content

Lin Delija, le donne e le loro storie in mostra all’Accademia delle Belle Arti di Roma

Le donne, le loro storie e quelle emozionanti espressioni sono al centro della nuova mostra dell’Accademia delle Belle Arti, “Lin Delija. Le ferite dell’anima e gli universi delle attese”. Un appuntamento per scoprire al meglio il pittore albanese, italiano di adozione…

Le donne, le loro storie, quelle espressioni colme di emozioni, sono al centro della nuova mostra dell’Accademia delle Belle Arti, “Lin Delija. Le ferite dell’anima e gli universi delle attese”. Un appuntamento per scoprire al meglio il pittore albanese, italiano di adozione, nato a Scutari nel 1926 e morto a Roma nel 1994, che scelse il comune di Antrodoco, vicino Rieti, come luogo dell’anima perché gli ricordava il suo paese d’origine. Visitabile sino al 26 novembre.

Scopri le altre mostre di Roma su Uozzart.com

Le opere in mostra

Un viaggio nel percorso artistico di Delija che raccoglie le varie sfumature dell’artista, grazie alla sinergia tra paesi vicini, alla generosità di numerosi collezionisti privati che si sono resi disponibili ai prestiti delle opere del maestro e alla proficua collaborazione tra Istituzioni pubbliche e private. Ed è proprio un volto femminile a rappresentare l’immagine dell’esposizione, la cui curatrice scientifica è Angela Scilimati, nella quale Lin Delija rende straordinaria la semplicità di ogni giorno con un omaggio alle donne della sua epoca. Lo fa sottolineando la dedizione e i sacrifici di lavandaie, insegnanti, operaie, attraverso la linea del ritratto e quelle pieghe del tempo nelle quali ha colto il destino di ognuna.

Un ponte tra l’analisi introspettiva e lo studio della fisiognomica

Un ponte tra l’analisi introspettiva e lo studio della fisiognomica per raccontare il mondo letto dai suoi occhi. Non solo donne, che pure erano il suo soggetto preferito, ma anche momenti, pensieri, malinconie, affidati ai volti del suo vivere quotidiano. La scelta della sede è legata alla volontà di ricordare il periodo che l’artista trascorse a Roma, dove studiò proprio presso l’Accademia di Belle Arti dal 1955, allievo di Mario Mafai, Amerigo Bartoli, Mario Rivosecchi e Pericle Fazzini, dopo la fuga dal sistema totalitario che regnava in Albania e dopo gli anni di permanenza e studio a Zagabria.

Info, date e orari

Date: sino al 26 novembre 2021.
Indirizzo: via di Ripetta 222, Roma.
Orari: da lunedì a venerdì 11.00/17.00; sabato 10.00/13.00.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: