Skip to content

Aspettando Godot, Lello Arena nel capolavoro di Beckett a Tor Bella Monaca

Due serate per “Aspettando Godot”, il 23 e il 24 luglio, con Lello Arena che interpreta il celeberrimo testo di Samuel Beckett. Lo spettacolo, con la regia di Massimo Andrei, si terrà presso l’Arena Teatro Tor Bella Monaca di Roma

Due serate per Aspettando Godot, il 23 e il 24 luglio ore 21, con Lello Arena che interpreta il celeberrimo testo di Samuel Beckett. Lo spettacolo, con la regia di Massimo Andrei, si terrà presso l’Arena Teatro Tor Bella Monaca di Roma.

Scopri gli altri articoli “teatrali” di Uozzart.com

La trama dello spettacolo

Nel 1975, a ventidue anni dalla prima assoluta parigina di “En attendant Godot”, Samuel Beckett ritorna sul testo che lo ha reso famoso per realizzare una sua regia in lingua tedesca allo Schiller Theater di Berlino. Con oltre un ventennio di esperienza alle spalle, Beckett decide di “dare forma alla confusione” del testo originale e inizia una profonda revisione drammaturgica e un percorso registico minuziosamente documentati nel testo riveduto e nel suo quaderno di regia. Ne emerge il quadro di un processo creativo intensissimo, in cui il sapere e l’istinto di teatrante di Beckett producono una drammaturgia visiva potente e coerente, molto diversa dalla versione originale francese.

Il nuovo allestimento

Uno degli scopi di questo nuovo allestimento è quello di riportare l’azione scenica, scenografica e testuale di questo capolavoro alle intenzioni più segrete e intime del suo autore. A partire dall’accento del nome, Gòdot, che Beckett voleva cadesse sulla prima sillaba e che avesse la T sonora. Un Aspettando Godot che acquista nuovi profumi e un punto di vista diverso proprio quando entra in contatto con il DNA dei figli di una città che ha dovuto imparare presto il senso tragicomico dell’attesa. L’attesa di un nuovo invasore che scacci un vecchio tiranno, quella per la liquefazione del sangue del santo patrono a conferma della sua protezione, quella di un terremoto pronto a distruggere case e certezze o dell’eruzione di un vulcano, bisbigliata e scongiurata con le preghiere. Aspettare Godot in una strada di campagna alle falde del Vesuvio può avere altre tensioni, altri smarrimenti ma la stessa tragica inutilità.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

1 Comment »

  1. Spettacolo bello, ogni cosa funziona perfettamente, ottima regia, interpretazioni magistrali, assolutamente da vedere, lo consiglio vivamente.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: