Skip to content

Storia della letteratura latina (9) – Lucio Anneo Seneca, uno dei più grandi intellettuali di sempre

La riflessione sul tempo e sul suo scorrere inesorabile ricorre spesso nelle opere di Seneca. L’intellettuale ci insegna che il tempo è una risorsa preziosissima, ma limitata: non bisogna dunque  comportarsi come se si disponesse di tempo illimitato

Dopo Fedro si staglia nell’età imperiale la maestosa figura di Lucio Anneo Seneca: i suoi rapporti con il potere, la filosofia, la vasta produzione… Nato in Spagna ed educato a Roma, è senza dubbio uno dei più grandi intellettuali della letteratura latina.

Scopri gli altri articoli sulla letteratura latina su Uozzart.com

“Non abbiamo poco tempo, ma ne abbiamo perso molto…”

La riflessione sul tempo e sul suo scorrere inesorabile ricorre spesso nelle opere di Seneca. Seneca ci insegna che il tempo è una risorsa preziosissima, ma limitata: non bisogna dunque  comportarsi come se si disponesse di tempo illimitato. Occorre saper gestire bene il tempo e non sprecarlo in cose futili. Nel De brevitate vitae Seneca scrive “Non abbiamo poco tempo ma ne abbiamo perso molto. La vita è lunga abbastanza e ci è stata data con generosità per la realizzazione delle cose più grandi, se fosse stata impiegata bene. Ma quando va persa nel lusso e nell’indolenza, quando non la si spende per nulla di buono, soltanto sotto la minaccia della morte, ci accorgiamo che è passata, e non ci eravamo accorti che passasse”.

Epistulae ad Lucilium

Sul tema del tempo Seneca torna anche nelle Epistulae ad Lucilium. Nella lettera 93 scrive “Ti scongiuro, caro Lucilio: facciamo in modo che la nostra vita, come ogni oggetto prezioso, valga più per il suo peso che per il suo volume”. E nella lettera 101 “Regoliamo i nostri conti con la vita giorno per giorno. Il difetto principale della vita è che essa ha sempre qualcosa d’incompiuto e che se ne rinvia una parte a un’altra volta” (lettera 101). Sono pagine piene di saggezza che ci colpiscono e ci fanno riflettere ancora oggi. Riflessioni profonde che hanno accompagnato Seneca per tutta la vita, e chissà, forse scaturite da vicissitudini che lo hanno messo a dura prova e che lo hanno inevitabilmente segnato.

La condanna a morte

Nel 39 Seneca fu condannato a morte da parte dell’imperatore Caligola per motivi poco chiari. Seneca riuscì a salvarsi, ma con il successivo imperatore Claudio la situazione non migliorò. Infatti fu accusato di adulterio, processato e condannato all’esilio in Corsica per otto lunghi anni. Richiamato a Roma da Agrippina, seconda moglie di Claudio, Seneca divenne l’istitutore del giovane Nerone e poi, quando Nerone nel 54 salì al trono, suo consigliere politico e guida spirituale.

Seneca era fiducioso di poter sortire un influsso positivo sull’imperatore; ma ben presto iniziarono a manifestarsi in Nerone tendenze dispotiche e sanguinarie. Nel 55 Nerone uccise il fratellastro Britannico e nel 59 la madre Agrippina. Seneca gradualmente si allontanò sempre di più dalla corte imperiale e dalla vita politica, si ritirò a vita privata e si dedicò ai suoi studi. Nel 65 la congiura di Calpurnio Pisone ai danni di Nerone fu scoperta e repressa duramente. Molti intellettuali morirono e Seneca, a conoscenza della congiura e forse anche coinvolto, fu costretto al suicidio.

Una vasta produzione

Seneca ci ha lasciato una vasta e ricca produzione letteraria che abbraccia tematiche varie e diversi generi letterari. Seneca ha scritto nove tragedie, l’opera satirica Apokolokyntosis, i Dialogi, tra cui ricordiamo il De brevitate vitae e il De ira, i trattati De clementia e De Beneficiis, le Naturales Quaestiones e infine leEpistulae Morales ad Lucilium.

“Ma il vero bene che non muore, stabile ed eterno, è costituito dalla saggezza e dalla virtù: questo bene è l’unica cosa immortale avuta in sorte dai mortali”.

Le Epistulae morales ad Lucilium sono una raccolta di 124 lettere suddivise in 20 libri, scritte dopo il ritiro dalla vita politica e dedicate al suo amico Lucilio. Con un tono colloquiale  e discorsivo Seneca sviluppa importanti temi etici e filosofici, come la felicità, il dolore, la libertà, il tempo, la vita, la povertà, il saggio, lo stoicismo. Attraverso le sue parole immortali Seneca continua a farci riflettere sui grandi temi dell’esistenza.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco annunci

La pubblicità è il motivo per cui il nostro magazine è gratuito.
Supporta Uozzart disattivando il blocco degli annunci.

OK
Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock