Street Art: due bandi per riqualificare Ancona e Verona. E Roma rimane a guardare

Iniziative ancora troppo rare, non si sa perché, benché positive per il restyling urbano di alcuni spazi trascurati. Senza spendere troppo. Le città di Verona e Ancona hanno proposto due bandi per “ricolorare” alcuni muri: per accedervi è previsto un apposito bando e relativo progetto. Due ottimi spunti di riflessione, a conferma che la street art, in questi casi nella sua forma graffitaria, quando ben regolata possa fornire cultura e bellezza.

Immagine

Murales ad Ancona

Per quanto riguarda il Comune di Ancona, in collaborazione con l’associazione A2O, si propone un concorso di idee che coinvolgerà due muri, quelli di Via Sacripanti, lunghezza 150 metri, e del Piazzale Michelangelo, 50 metri, sui quali intervenire creativamente con opere inerenti la città e la sua storia.  I progetti devono essere inviati entro il 31 marzo 2014, e i vincitori saranno eseguiti durante i mesi primaverili. L’evento è patrocinato dall’Assessorato comunale con un contributo di 2500 euro, che comprende le relative spese.

Immagine

Murales a Verona

Nel Veneto l’Amministrazione comunale di Verona, in collaborazione con Fedrigoni Spa e Roseo Hotel Leon d’Oro, promuove la seconda edizione del concorso Writers street art Coloriamo Verona, per la presentazione di idee e progetti finalizzati alla riqualificazione dei due sottopassi pedonali di viale Piave e di altri luoghi cittadini. Tra tutti i progetti pervenuti saranno scelti due vincitori ai quali verrà assegnato un premio di 1.000 euro ciascuno. I progetti artistici dovranno pervenire in busta chiusa entro lunedì 10 marzo.

E a Roma un bando del genere? No, niente. Eppure di strade degradate ne siamo pieni. Meno male che a Roma abbiamo il murales di Totti. Perché noi ci accontentiamo di poco.

Immagine

Murales a Roma

Articolo anche su Lastampa.it

Leggi anche:

Street art nel mondo: le 15 opere 3D più incredibili

Baci e sesso per strada: l’eros è dietro l’angolo