Fashion, Food & Vip: tutti per festeggiare il made in Italy del futuro

Una grande festa per il “made in Italy” e per le giovani eccellenze italiane: a conclusione di AltaRoma AltaModa, Barbara Molinario e Tina Vannini hanno deciso di festeggiare così il passaggio alla carta stampata del magazine Fashion News Magazine. Un evento all’insegna dell’arte, della cultura e della moda all’interno degli spazi della culla della cultura vegetariana di Roma, il Margutta RistorArte.

Lunedì 2 febbraio la padrona di casa Tina Vannini ha aperto le porte del suo vegetariano a fashion blogger e a stilisti, a volti noti del giornalismo specializzato e a nuove e giovani realtà imprenditoriali, per festeggiare il primo numero cartaceo di FNM. In occasione dell’evento, oltre alla conferenza stampa, anche una sfilata multibrand e pluriaccessoriata con alcune giovani realtà italiane della moda e del lusso.

All’evento erano presenti la stilista Giada Curti, la giornalista di moda Cinzia Malvini, il professor Vittorio Maria de Bonis, storico dell’arte, la scrittrice Iolanda Pomposelli, il Direttore Artistico del Roma Web Fest Janet de Nardis, l’annunciatrice Rai Claudia Andreatti, l’attore Giampaolo Morelli, la Miss Italia Gloria Bellicchi, l’attrice Fioretta Mari, il soprano Chiara Taigi, il Maestro d’Orchestra Jacopo Sipari di Pescasseroli, l’attrice Manuela Metri, il creatore della pagina Facebook “Se i quadri potessero parlare” Stefano Guerrera, l’artista Roberto Di Costanzo, la blogger Ida Galati, lo stilista Vittorio Camaiani,  la conduttrice Samya Abbary, l’ex Miss Italia Nadia Bengala, la conduttrice Roberta Beta, la giornalista Camilla Nata, il conduttore radiofonico Daniel Della Seta, la cantante Sara Galimberti, la conduttrice Maria Monsè e la giornalista Stefania Giacomini.

Ma i veri protagonisti sono state le realtà imprenditoriali che hanno sfilato durante l’evento, accompagnate da un accompagnamento al pianoforte, e applaudite da tutti i presenti. Lusso ed eleganza con la passerella dei gioielli del brand d’alto lusso Giamore di Danilo Giannoni, imprenditore italiano che ha esportato il suo design anche in Cina, che ha presentato per l’occasione le sue linee Shell, Jaclyn e Flora. Ma c’era anche la moda “ecologica” del natural fashion designer Tiziano Guardini, ribattezzato “lo stilista della Natura”, i cui abiti sono realizzati in rafia, corteccia, aghi di pino, canapa e petali di pigne. Prezioso il contributo anche di Mutadesign della designer Odile Orsi e delle borse Tè di Federica Righini. E da citare anche le creazioni della cake designer Kelly Evans e dei gioielli “eco” di Sbottonando.

“Sono contenta di raccontare questi giovani che valgono – spiega Tina Vannini da sempre il Margutta RistorArte ha un’attenzione particolare per i giovani, e ha dato loro una mano nella realizzazione del loro progetto artistico o imprenditoriale. Scommettiamo su di loro, sul loro talento, sulle loro energie. Il Margutta, crocevia di turisti e autoctoni, di artisti e di imprenditori, di benefattori e di politici, vuole raccontare proprio questo: l’Italia che vale. E quale luogo migliore per parlarne se non a tavola?”

“Fashion News Magazine è stata una scommessa sin dal suo esordio in rete, nell’aprile 2012- dichiara Barbara Molinario, direttore di FNMNasce come un magazine di lifestyle che parla di moda, arte, benessere, spettacolo, non solo di marchi super lussuosi o conosciutissimi, ma che ha sempre avuto un occhio di riguardo per le realtà emergenti, per gli artigiani, per i giovani che investono su se stessi e che sono la forza del nostro Paese. Sentivamo l’esigenza di esprimerci anche attraverso un mezzo tradizionale, come quello della carta stampata, che ci regala l’opportunità di raggiungere un pubblico più eterogeneo.”  

FOTOGALLERY – Foto di Luigi Giordani

Per tutti gli aggiornamenti, segui la pagina Facebook di Uozzart.

Leggi anche:

Girando a Cinecittà: la nuova mostra racconta 70 anni del cinema

AltaRoma AltaModa 2015: tutti gli eventi della moda, dal 30 gennaio al 2 febbraio

A Palazzo Braschi un secolo di storia del cinema attraverso l’arte dei grandi costumisti italiani

L’Italia dell’alta moda del dopoguerra è “Bellissima”