Skip to content

100 anni dalla nascita di Andreotti, a Roma due mostre per ricordarlo

Last Updated on

A 100 anni dalla sua nascita, arrivano nella Capitale due mostre per ricordare l’ex leader della DC

Due mostre fotografiche dedicate a Giulio Andreotti nel centenario della nascita. “Una vita per lo Stato” sarà ospitata presso il Senato della Repubblica, nella Biblioteca Giovanni Spadolini, sino al 10 febbraio. “Immagini di una vita”, invece, si trova presso il Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro, Pio Sodalizio dei Piceni, sino al 17 febbraio.

Giulio Andreotti
Giulio Andreotti

Curate entrambe dalla famiglia Andreotti, le due esposizioni raccontano con foto provenienti da archivi pubblici e collezioni private l’uomo accanto al politico. Inoltre documentano anche le trasformazioni dell’Italia dall’immediato dopoguerra all’inizio di questo secolo.

Leggi anche Da Leonardo Da Vinci a Banksy e Warhol: tutte le (nuove) mostre del 2019 a Roma

Chi è Giulio Andreotti

Giulio Andreotti, nato il 14 gennaio 1919 e morto il 6 maggio 2013, è stato tra i principali esponenti della Democrazia Cristiana, partito protagonista della vita politica italiana per gran parte della seconda metà del XX secolo. Senatore a vita dal 1991, è stato il candidato più votato in Italia in tutte le elezioni politiche fino al 1991. Eccetto in sei casi. Inoltre è stato il politico con il maggior numero di incarichi governativi nella storia della repubblica.

A cavallo tra XX e XXI secolo subì un processo per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso. Fu assolto in primo grado dal Tribunale di Palermo. Il 2 maggio 2003 fu assolto anche dalla Corte d’appello di Palermo per i fatti successivi al 1980. Per quelli anteriori a tale data, l’organo giudicante stabilì che Andreotti aveva commesso il reato di associazione per delinquere con Cosa nostra.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI UOZZART

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: