Skip to content

“Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione” alla Galleria d’Arte Moderna

Last Updated on

Di Lucia Quadrini

Un percorso di riflessione attraverso artisti che hanno rappresentato e celebrato le donne nelle diverse correnti artistiche e movimenti culturali tra fine ‘800, ‘900 fino ad oggi

Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione è la nuova mostra che aprirà domani alla Galleria d’Arte Moderna, visitabile sino al 13 ottobre 2019. Donne, un mondo su cui si è riflettuto da secoli. Un mistero. Un percorso di riflessione attraverso artisti che hanno rappresentato e celebrato le donne nelle diverse correnti artistiche e movimenti culturali tra fine ‘800, ‘900 fino ad oggi.

Donne alla Galleria D'Arte Moderna
Una delle opere della mostra

La nuova mostra della Galleria d’Arte Moderna

La donna, le donne, il corpo, il mondo femminile, su cui si è riflettuto da sempre. Tutti ne hanno parlato e scritto, il teatro, il cinema, i poeti, i pittori, gli scultori, uomini e donne. Cercando di analizzare una miriade di sentimenti: amore, passione, invidia, impotenza, ammirazione, dipendenza. Scrutato nel bene e nel male, angelo e tentatrice.

Un soggetto misterioso che s’interroga sulla propria identità fino alla nuova immagine scaturita dopo l’esperienza della contestazione degli anni Sessanta. Un centinaio di opere tra dipinti, sculture, grafica e fotografia provenienti dalle collezioni capitoline (GAMMACRO), alcune inedite nelle esposizioni, altre assenti da tempo.

Una collettiva che comprende performance e videoinstallazioni

Gli autori sono tutti da scoprire visitando la mostra. Il percorso è accompagnato da materiale documentario, videoinstallazioni, documenti fotografici e filmici tratti da opere cinematografiche e cinegiornali. Anche da video di performance e film d’artista.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI UOZZART

1 Comment »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: