Skip to content

“Replay”, Fortunato Depero e Peter Halley in mostra a Roma

Last Updated on

I due artisti a confronto fino al 24 aprile presso la Galleria Futurism and Co

Cento anni (circa) di arte tra due grandi capolavori. Parliamo del “Ballerina” di Fortunato Depero del 1919 e “Nerve” di Peter Halley del 2016. Accomunate dall’assonanza di colori e linee, ma dagli stili diversi. Il confronto si potrà fare a Roma, nella mostra “Replay”, fino al 24 aprile alla Galleria Futurism and Co. Dove quadri e disegni di uno dei giganti del Futurismo e dell’esponente americano del nuovo concettualismo geometrico anni Ottanta verranno messi a confronto. A curarla Giancarlo Carpi e Graziano Melolascina.

Depero - Halley
Depero – Halley

Depero e Halley a confronto, due stili e due secoli a confronto

Nelle trenta opere provenienti da collezioni private il dinamismo e le figure umane robotizzate e meccaniche di Depero si alternano alle griglie, alle sbarre di prigione, ai condotti e ai labirinti del maestro newyorchese del Neo-Geo. E’ qui che emerge l’ aspetto seriale e pre-pop del grande futurista, impegnato negli anni venti anche nella pubblicità – Campari in primis – con soluzioni innovative e un accostamento ardito dei colori tornati a partire dagli anni Sessanta nella comunicazione commerciale.

Leggi gli altri articoli “artistici” di Uozzart.com

“Peter Halley è un mostro sacro, uno tra i cento artisti più quotati al mondo – dice Melolascina – Lavora con le più grandi gallerie. Lo si può considerare come Warhol o Basquiat ai loro tempi. In qualche modo ha ‘spiato’ Depero. I suoi tunnel, labirinti e percorsi esprimono concetti mentali. Il grande insegnamento di questa mostra è che due maestri diversi e distanti sono accomunati dallo stesso Dna geometrico”.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK  DI UOZZART

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: