Skip to content

Nos folies, la mostra online di Valerie Honnart

Last Updated on 12/05/2020

Sarà online, da venerdì 22 a sabato 30 maggio, la mostra Nos Folies di Valerie Honnart. Da scoprire sui canali web & social della galleria d’arte Medina Roma

Nos Folies di Valerie Honnart
Nos Folies di Valerie Honnart

Sarà online, da venerdì 22 a sabato 30 maggio, la mostra Nos Folies di Valerie Honnart. Da scoprire sui canali web & social della galleria d’arte Medina Roma.

Leggi gli altri approfondimenti per #Laculturaincasa e per #Iorestoacasa

Le opere in mostra

Un’artista complessa, fuoco che arde sotto la pittura. In una dialettica interna tra sostrato e soggetto, sembra riattivare sotto un cielo di tela carbonizzata, o di legno e di seta, la lucentezza di impatti esistenziali che l’hanno colpita. Così nella sua pittura si produce quindi una collisione permanente tra vissuti mnesici che l’artista interiorizza, lascia fermentare e mitizza.

Anime inquiete e mitologie collettive

Dalla profondità di un’opera può affiorare ad ogni istante un’anima inquieta. Una memoria insepolta, che Valérie Honnart convoca attraverso mitologie personali e collettive. Gli archetipi si succedono, in bilico tra sacralità e legge di gravità nel senso di giustizia. Nonché di fondatezza e punizione. C’è in quest’artista la medesima volontà di rappresentare la “nudità umana” nel suo dritto e rovescio. Con la sua oscurità e la sua possibile redenzione, la sua imperfezione tragica e il suo desiderio di elevarsi. Arrampicandosi su un albero, scalando una montagna, cercando un’isola.

Il ruolo delle Erinni, divinità femminili dalle lacrime di sangue, incaricate di proteggere gli innocenti e di perseguitare i criminali

La pittrice fa della sua tela l’occhio del ciclone in cui viene messa in orbita tutta la natura umana fatta d’argilla e di divino. Non c’è da stupirsi quindi che l’artista abbia puntato alla continuità di questa ambivalenza cielo e terra. Appellandosi alle Erinni, divinità femminili dalle lacrime di sangue, incaricate di proteggere gli innocenti e di perseguitare i criminali. Fino a renderli folli affinché riconoscano la loro colpevolezza. Dal fondo dei loro nidi ctoni rappresentati da Valérie Honnart, le Erinni aspettano di essere chiamate al presente.

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Seguite le nostre pagine Facebook, Twitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: