Skip to content

Unesco: la Macchina di Santa Rosa a Viterbo, patrimonio immateriale dell’umanità

Una torre alta circa trenta metri per cinquanta quintali di peso. Illuminata dalla luce di tante fiammelle, viene portata a spalla da oltre cento uomini lungo un percorso di oltre un chilometro. Parliamo della Macchina di Santa Rosa da Viterbo…

Foto tratta da Visit.viterbo.it

Una torre alta circa trenta metri per cinquanta quintali di peso. Illuminata dalla luce di tante fiammelle, viene portata a spalla da oltre cento uomini lungo un percorso di oltre un chilometro. Parliamo della Macchina di Santa Rosa da Viterbo, che la sera del 3 settembre sfila per le vie del centro storico, rinnovando il tradizionale evento, unico al mondo. Un appuntamento che ha più di settecentocinquanta anni di storia.

Tra i grandi nomi che hanno assistito a questo evento, anche quelli di Papa Wojtila e il Principe Carlo d’Inghilterra. La festa rientra nella Rete delle grandi macchine a spalla italiane, dal 2013 inserita nel Patrimonio orale e immateriale dell’umanità dell’UNESCO. Il titolo è stato conferito alla Rete delle grandi Macchine a Spalla italiane (con la Macchina di Santa Rosa anche i Gigli di Nola, la Varia di Palmi, i Candelieri di Sassari).

Scopri gli altri siti Unesco su Uozzart.com

Le origini della “Macchina”

Le origini della Macchina risalgono agli anni successivi al 1258. Tale tradizione nasce per ricordare la traslazione del corpo di Santa Rosa da Viterbo (1233 – 1251) dalla Chiesa di S. Maria in Poggio al Santuario a lei dedicato, avvenuta il 4 settembre per volere di papa Alessandro IV. Si volle così ripetere quella processione, trasportando un’immagine o una statua della Santa illuminata su un baldacchino. Una tradizione che assunse nei secoli dimensioni sempre più colossali. In tutti i sensi.

Un omaggio alla patrona della città

Quella della Macchina dedicata a Santa Rosa è una prova di forza e di fede nei confronti della patrona della città, morta nel 1251 ad appena diciotto anni. Una ragazzina che, pur di famiglia umile, offrì la sua vita a Dio e ai poveri della sua città. L’Amministrazione Comunale, ogni cinque anni, indice un concorso per cambiarla.

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine Facebook, Twitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: