Skip to content

Era il 1964: la foto di Donald McCullin e la questione di Cipro

Una donna turca piange la morte del marito, vittima del conflitto tra greci e turchi. La foto di Donald McCullin ha vinto il World Press Photo of the Year nel 1964

Era il 20 marzo 1964, a Ghaziveram, Cipro. Una donna turca piange il marito morto, vittima della guerra civile cipriota tra greco-ciprioti e turco-ciprioti. La foto di Donald McCullin ha vinto il World Press Photo of the Year nel 1964

Leggi gli altri articoli della rubrica La foto dell’anno su Uozzart.com

Chi è Donald McCullin

Donald “Don” McCullin (Londra, Regno Unito, 1935) è uno dei grandi fotografi di guerra della storia. Il suo interesse per la fotografia esplode durante il suo servizio nazionale (1953-1955), quando ha servito come assistente fotografico in ricognizione aerea nella Royal Air Force. La sua carriera di fotogiornalista è decollata quando la sua foto di una banda locale di Londra è stata pubblicata sul quotidiano nazionale The Observer.

Nel 1964, The Observer gli offrì il suo primo incarico di guerra a Cipro, dove coprì il conflitto tra greco e turco-ciprioti. Dopo aver lavorato come fotoreporter freelance per The Observer, The Sunday Telegraph e riviste come Paris Match, Stern e Life, Don McCullin è diventato fotografo del personale del Sunday Times nel 1966. Durante i suoi 18 anni al Sunday Times ha coperto numerosi conflitti internazionali da valutare in modo approfondito. I suoi reportage includono la carestia nel Biafra (1967), la guerra del Vietnam (1968-1972), i guai nell’Irlanda del Nord (1971), la caduta di Phnom Penh (1975) e la guerra civile in Libano (1975-1982).

Dopo aver lasciato il Sunday Times nel 1984, ha iniziato a esplorare diversi tipi di fotografia, in particolare la fotografia di paesaggio. Negli ultimi anni si è concentrato principalmente sui contenuti africani. Dal 1995 è associato a Contact Press Images. Don McCullin ha ricevuto numerosi rioni, tra cui il Word Press Photo of the Year 1964 e nel 2006 il Cornell Capa Award dall’International Center for Photography di New York per il suo contributo alla fotografia. Nel 1992 è diventato l’unico fotoreporter a essere nominato Comandante dell’Impero Britannico (CBE).

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: