Skip to content

Il video rende felici, la videoarte in Italia in mostra a Roma

Last Updated on 29/03/2022

Dal 12 aprile al 4 settembre 2022, presso la Galleria d’Arte Moderna di Roma, “Il video rende felici. Videoarte in Italia”. Focus sulla produzione di videoarte e cinema d’artista in Italia dalla fine degli anni Sessanta al nuovo secolo

Dal 12 aprile al 4 settembre 2022, presso la Galleria d’Arte Moderna di Roma, la mostra “Il video rende felici. Videoarte in Italia“. Focus dell’appuntamento è la produzione di videoarte e cinema d’artista in Italia dalla fine degli anni Sessanta al nuovo secolo. Promotrice di iniziative esemplari e pionieristiche, l’Italia rappresenta un punto di riferimento artistico culturale per la sperimentazione video per varietà, qualità e respiro internazionale.

Scopri le altre mostre di Roma su Uozzart.com

Le opere in mostra

In mostra 20 installazioni a cui si aggiungono oltre 300 opere raccolte all’interno di rassegne dedicate, per oltre 80 ore di proiezione. Il percorso espositivo si snoda attraverso la molteplice varietà di formati espositivi. Video monocanale, installazioni video, multimediali, interattivi. Ma anche apparati volti a ripercorrere il processo produttivo e storico delle opere. Nel complesso il progetto coinvolge oltre 100 artiste e artisti, che nel corso degli ultimi sessant’anni hanno utilizzato il dispositivo elettronico e digitale, nelle sue molteplici declinazioni.

Le installazioni e gli artisti

Alla Galleria d’Arte Moderna si espongono sia installazioni sia opere monocanale provenienti dai centri di produzione e disseminazione della videoarte, attivi in Italia sin dagli anni ’60, con una forte vocazione internazionale. Fra gli artisti in mostra: Umberto Bignardi, Daniel Buren, Fabio Massimo Iaquone, Masbedo, Fabio Mauri, Fabrizio Plessi, Cosimo Terlizzi, Franco Vaccari, Bill Viola.

Al Palazzo delle Esposizioni sono evidenziate le trasformazioni del formato installativo nel suo dialogo con lo spazio e con i dispositivi tecnologici, in un arco cronologico che va dalla fine degli anni Sessanta al XXI secolo.
Il progetto è promosso da Ministero della Cultura – Direzione generale Creatività Contemporanea, Roma Culture – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Azienda Speciale Palaexpo.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: