Skip to content

Qui dovevo stare, la recensione del libro di Giovanni Dozzini

Candidato al Premio Fulgineamente, edito da Fandango Libri, “Qui dovevo stare” è il nuovo romanzo dello scrittore e giornalista umbro Giovanni Dozzini

Candidato al Premio Fulgineamente, edito da Fandango Libri, “Qui dovevo stare”è il nuovo romanzo dello scrittore e giornalista umbro Giovanni Dozzini.

Leggi gli altri articoli “letterari” di Uozzart.com

La trama del libro

Luca Bregolisse, detto il Brego, imbianchino quarantenne che se può lavora in nero, ha un passato da ragazzo dei centri sociali, una moglie a casa a cui non dà mai retta, una figlia piccola, un padre pensionato e comunista – che, quando è stato il momento, ha votato per la mozione Occhetto che ha ammazzato il partito – e un dipendente marocchino di nome Nabil pieno di guai, molti dei quali da ricondurre al figlio minorenne Mohamed, detto Massimino, che spaccia e ogni tanto scompare.

Il Brego lo sa come funzionano le cose, che prima in provincia tutti si stava meglio, senza immigrati e senza ladri, tanto che adesso è giusto pensare al porto d’armi, tra un caffè corretto con il suo amico il Tordo e un’occhiataccia della madre, che da morta gli si è appollaiata tra il sopracciglio e la tempia e non gli parla.

“Sedici giorni tra le maglie di un ragionamento interiore senza scampo e senza sconti”

Solo che le cose si complicano quando Massimino torna a casa pestato dalla polizia e poi si dilegua, Nabil smette di presentarsi al lavoro per andarlo a cercare, e la vita quotidiana fatta di paste al sugo, appuntamenti serali e puntate al bar sembra uscire dai suoi binari. A quel punto, il Brego dovrà decidere se pensare a loro, a risolvere le cose come vorrebbe la moglie Pamela, o pensare a sé come vuole lui e costruirsi un futuro diverso da quello che gli è stato riservato.

Qui dovevo stare” racconta sedici giorni tra le maglie di un ragionamento interiore senza scampo e senza sconti, in un’escalation di disillusione e intolleranza, offrendo al lettore un rovesciamento di prospettiva provocatorio sulla mentalità e le scelte politiche di un Paese allo sbando, in cui il tessuto sociale è esploso e chi votava falce e martello oggi vota a destra, perché più del resto vale la paura.

Chi è Giovanni Dozzini

Giovanni Dozzini (Perugia, 1978) è giornalista e scrittore. Ha pubblicato i romanzi Il cinese della piazza del Pino (Midgard, 2005), L’uomo che manca (Lantana, 2011), La scelta (Nutrimenti, 2016) e E Baboucar guidava la fila (Minimum Fax, 2018), con cui ha vinto lo European Union Prize for Literature 2019, al momento in corso di pubblicazione in dodici paesi. È tra gli organizzatori del festival di letteratura ispano-americana Encuentro.

Scheda del libro

Titolo: Qui dovevo stare
Autore: Giovanni Dozzini
Editore: Fandango Libri
Anno edizione: 2021
Pagine: 208 p.
ISBN: 9788860447142
Prezzo: € 16,00

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: