Skip to content

La genesi di Mercoledì: Charles Addams, il padre della celebre famiglia

Charles Samuel Addams è stato un celebre vignettista per la testata The New Yorker, le cui opere erano caratterizzate da humor nero e personaggi particolarmente macabri. Tra le sue creature più ricorrenti, troviamo proprio la famosissima famiglia, Mercoledì inclusa…

Charles Samuel Addams (Westfield, 7 gennaio 1912 – New York, 29 settembre 1988) è stato un celebre vignettista per la testata The New Yorker, le cui opere erano caratterizzate da humor nero e personaggi particolarmente macabri. Tra le sue creature più ricorrenti, troviamo proprio la Famiglia Addams, che ha ispirato la recente serie tv di Tim Burton Mercoledì.

Le prime strisce per il New Yorker

Era il 1931 quando Addams inizia a collaborare con il New Yorker, ma la famiglia Addams verrà introdotta soltanto nel 1938. Anno dopo anno, aggiungerà tutti i membri della famiglia come oggi la conosciamo. Alla fine del 1942 incontra la sua prima (di tre) moglie, Barbara Jean Day, dalla straordinaria somiglianza con il personaggio di Morticia Addams.

La fortuna di “Homebodies”

La notorietà della famiglia Addams raggiungerà il grande pubblico con la serie televisiva, andando in onda sul canale ABC dal 1964 al 1966. Si dice che l’idea della serie venne al produttore David Levy quando, passeggiando per New York insieme ad un amico, vide la copertina del libro “Homebodies” di Addams. Fermandosi Levy avrebbe esclamato «There’s a hit series!».

La trama della serie tv

La famiglia era composta da Gomez Addams, ricchissimo e distinto gentiluomo, da sua moglie Morticia, fascinosa dark lady, e dai loro due figli, la piccola e sadica Mercoledì e il pingue Pugsley. Vivono in una enorme e fatiscente villa gotica, che ospita anche lo strampalato zio Fester, una altrettanto strana nonnina e un cugino, chiamato Itt, dall’idioma incomprensibile e caratterizzato da un enorme ammasso di capelli che ne copre interamente la figura.

Oltre a Mercoledì, compariva anche un corvo parlante

La famiglia ha come maggiordomo un mostro alla Frankenstein, chiamato Lurch, mentre da vari anfratti della casa talvolta esce una mano, a cui la famiglia si rivolge appunto col nome di Mano (Thing, nell’originale). Ogni tanto compariva anche un corvo parlante.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Rilevato blocco annunci

La pubblicità è il motivo per cui il nostro magazine è gratuito.
Supporta Uozzart disattivando il blocco degli annunci.

OK
Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock