L’incredibile ironia di Ursus Wehrli, l’artista del “tutto in ordine”

Le opere cariche di ironia e leggerezza di Ursus Wehrli, l’artista che rimette a posto e in ordine i grandi capolavori della pittura occidentale. Ma non solo.

ursus-wehrli

“Tutto è cominciato con quest’opera dell’artista americano, Donald Baechler che avevo appesa a casa mia. Dovevo guardarla ogni giorno e dopo un po’ non sono più riuscito a sopportare il disordine che questo tizio doveva guardare tutto il giorno. Sì, mi sentivo un po’ dispiaciuto per lui”.

La sua mania per l’ordine potrebbe essere giustificata da quel rispetto per la precisione tipico della sua nazionalità, la Svizzera. La razionalità degli spazi, l’ordine e la precisione sono alla base della sua poetica artistica che non diventa però imperativo assoluto.

“Mi sembrava che persino lui (Donald Baechler) si stesse davvero male costretto a guardare questi quadrati rossi disorganizzati, giorno dopo giorno. Quindi ho deciso di dargli un piccolo aiuto, e ho riportato un po’ di ordine impilando i blocchi uno sull’altro. E penso che ora sembri un po’ meno scontento. Ed è stata una cosa meravigliosa. Con questa esperienza ho cominciato a guardare con più attenzione all’arte moderna. E mi sono reso conto che, sapete, il mondo dell’arte moderna è particolarmente sotto sopra”

 

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK  (link qui) DI UOZZART

Leggi anche:

Simon Beck, l’incredibile Snow White dell’arte

Oakoak, la street art che nasce con un difetto

Street art in Europa, i 10 “grandi”

Street Art nel mondo: le 15 opere 3D più incredibili