Skip to content

Intervista a Erik Saglia: “Da piccolo consumavo in un giorno una risma di fogli”

Appena 29 anni e un lungo futuro davanti. Erik Saglia, con la sua nuova mostra “Pregenesi”, in corso presso Spazio Lancia di Torino, visitabile su appuntamento, dimostra di non avere solo tecnica e stile, ma anche estro e creatività. 

Classe 1989, il torinese Erik ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Torino e ha iniziato a esporre già a 24 anni alla Thomas Brambilla di Bergamo, galleria della cui scuderia l’artista fa ancora parte. Negli anni successivi, poi, le mostre a Milano, Torino e a Les Moulins, Boissy-Le-Chàtel, in Francia. Ma partecipa anche alla fondazione dello spazio indipendente Spazio Buonasera, con cui promuove interessanti progetti sperimentali e di ricerca.

Erik Saglia
Erik Saglia

Qual è stato il preciso momento in cui ti sei sentito/a, anche se a livello primordiale, artista?

Ho sempre disegnato molto da bambino era il mio passa tempo preferito, ero in grado di finire una risma di fogli in una giornata, ma credo che la consapevolezza sia cresciuta in me, al secondo anno di pittura all’Accademia di Torino, era un ambiente molto stimolante.

L’arte nasce da un bisogno di cosa?

Più che un bisogno è una necessità. Amo stare nel mio studio a lavorare, è per me un luogo/spazio di meditazione e rilassamento.

Da cosa (o da chi) trai spunto per la tua arte?

Cerco di non trarre spunto o ispirazione da nessuno in particolare, ambisco a sviluppare in me l’interesse e l’attrazione, credo oggi ci sia bisogno di essere molto concentrati più che ispirati.

Le tre opere che ti rappresentano di più e perché.

Faccio fatica a scegliere io tre lavori che più mi rappresentano, cerco sempre di trasmettere / dedicare a qualunque quadro o wall painting che realizzo lo stesso impegno e amore verso il lavoro. Ogni opera che realizzo mi rappresenta, diciamo che ho una predilezione verso i grossi formati cosi ho pensato di allegarti 3 delle opere più grosse che ho fatto.

Prossimi progetti.

Sarò a Artgeneve e Arco con la mia galleria Thomas Brambilla, a gennaio farò una mostra collettiva a Venezia, organizzata dai miei amici di Fondazione Malutta e in primavera un’ altra collettiva insieme ai ragazzi dello Spazio Buonasera a Las Palmas a Lisbona.

L’artista all’opera per la mostra “Pregenesi”

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI, SEGUI LA PAGINA FACEBOOK DI UOZZART

1 Comment »

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

it_ITItalian
it_ITItalian
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: