Skip to content

La poesia di Leonardo Bocci: “Roma nun fa la stupida stasera, restamo a casa”

Last Updated on 25/03/2020

Il caldo abbraccio dell’attore romano Leonardo Bocci: una delicata e commovente poesia delicata alla Capitale. Un viaggio alla scoperta della Roma più bella, quella architettonica e quella cinematografica, quella romantica e quella caotica

Il caldo abbraccio dell’attore romano Leonardo Bocci: una delicata e commovente poesia delicata alla Capitale. Un viaggio alla scoperta della Roma più bella, quella architettonica e quella cinematografica, quella romantica e quella caotica, per stringerci e abbracciarci. A distanza, certo, ma più vicini del solito. Voce e testo di Leonardo Bocci, montaggio di Andrea Gagliardi.

Il testo della poesia

Roma Tanto Pe Canta, Tanto Pe Parla
Te Ricordi Quanno Te Dicevamo
“Quant’è Bella Roma, Quann’e’ Vota”
Certo Così C’hai Preso In Parola
E Mica Solo A Noi Ma A Tutta Italia
Che Sta Chiusa Dentro ‘NA Stanza Aspetta Che Sta Guerra Passa
Sta Voce La Possono Senti Dai Vicoli De Trastevere Fino A Ponte Milvio Ormai
Come Faccio A Nun Vedette, A Nun Toccatte Roma Mia
Tutto Pe Sta Maledetta Epidemia
Penso Ai Regazzetti Nei Vicoletti Che Rincorrono Er Pallone De Fretta
Alla Domenica Co Mi Nonna Che Me Dice Magna Tutto Che Se Fredda
Alle Partite Allo Stadio Co Mi Padre Padre
All’abbracci Stretti Stretti De Mi Madre
A Li Baci Rubati, Le Notti Gajarde A Urla Daje
E Tutte Le Amicizie Da Quelle Vecchie A Quelle Appena Nate
Alle Birre Che Scorrevano Come Se N Ce Fosse Un Domani E Alle Tante Risate
Te Ricordi Il Grande Raccordo Anulare
Quanto Ci Faceva Bestemmia
Adesso Ce Vorremmo Vola
Pe Vede La Città Eterna Che Per Momento Sta A Dormi
Ma Diglielo Che Tra Un Po Torneremo A Falla Impazzì
Quando Je Tojeremo La Corona A Sto Virus Der Cazzo
Ce Guarderemo Tutti Insieme: Ma Too Ricordi? Chi? Sto Cazzo!
E Rideremo Roma Mia
Come Facevano Sordi, Manfedi, Fabrizi, Er Monnezza, La Sora Lella
Rideremo De Core
E Sta Città Se Ricolorerà D’amore
Tra Un Vaffanculo E Un Mortacci Tua In Mezzo Ar Traffico
Co La Musica De N’clascon
Ce Guarderemo Nell’occhi E Diremo

Sti Cazzi Vie Qua Damme N’abbraccio
E Allora Roma, Nun Fa La Stupida Stasera
Ma Manco Domani, Dopodomani
Pure Se La Testa Te Sta A Sclera’
Er Core Te Se Invasa
Roma Nun Fa La Stupida Adesso
Restamo A Casa

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine Facebook, Twitter e Google News

1 Comment »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: