Skip to content

Chiusi tutti i luoghi della cultura, aperte gallerie d’arte e librerie

Last Updated on 06/11/2020

Il testo del dpcm firmato dal Premier Giuseppe Conte è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Per luoghi della cultura si intendono musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, complessi monumentali. Il ringraziamento di editori e librai.

Il testo del dpcm firmato dal Premier Giuseppe Conte è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Imposta, quindi, la chiusura totale della cultura in tutta Italia. L’art. 1, comma 9r, prevede infatti che vengano sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio (decreto legislativo 22 gennaio n. 42). I luoghi della cultura sono così identificati dall’art. 101: musei, biblioteche, archivi, aree e parchi archeologici, complessi monumentali. Confermate le chiusure per teatri e cinema. Rimangono aperte invece le attività commerciali, incluse quindi le gallerie d’arte, ma solo nelle zone gialle e arancioni.

Le misure entreranno in vigore da domani, venerdì 6 novembre, e saranno valide fino a giovedì 3 dicembre 2020

Altre misure valide per tutto il territorio nazionale sono la chiusura dei centri commerciali nei fine settimana e la capienza dei trasporti pubblici portata al 50%. Consentite le manifestazioni “in forma statica, a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento, nel rispetto delle prescrizioni imposte dal questore”. Rimangono aperte le chiese e c’è possibilità di tenere funzioni religiose purché nel rispetto dei protocolli governativi. Nelle aree a rischio inferiore rimangono anche aperti bar e ristoranti con l’orario 5-18 stabilito dal dpcm precedente. Le misure entreranno in vigore da domani, venerdì 6 novembre, e saranno valide fino a giovedì 3 dicembre 2020.

Editori e librai, grazie per le librerie aperte

“Ringraziamo il governo per aver tenuto conto dei nostri appelli, consentendo l’apertura delle librerie anche nelle zone rosse, e in particolare il ministro Dario Franceschini sempre attento alle esigenze del mondo del libro” dicono il presidente dei librai -Ali Confcommercio, Paolo Ambrosini e il presidente dell’Associazione Italiana Editori-Aie, Ricardo Franco Levi. E ricordano che “i libri sono beni essenziali e, soprattutto in un momento come questo, possono aiutare gli italiani a superare la solitudine e le difficoltà legate alle limitazioni della libera circolazione e della socialità”.

Premier Conte: “Chiudiamo musei e mostre, anche nelle regioni dove il pericolo contagio è meno insistito”

Federculture, causa Covid per il 70% delle aziende culturali perdite del 40%. Franceschini: “9 miliardi di risorse per cultura e turismo”

Conte sulle chiusure per lo spettacolo: “Scelta dolorosa, siamo consapevoli del danno recato”

Appassionati di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Seguite le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: