Skip to content

Federculture, causa Covid per il 70% delle aziende culturali perdite del 40%. Franceschini: “9 miliardi di risorse per cultura e turismo”

Oltre il 70%, secondo l’indagine Federculture, stima perdite del 40% del proprio bilancio e il 13% addirittura superiori al 60%. Solo il 22% immagina un futuro ritorno alla normalità. “Nove miliardi di risorse ai settori della cultura e del turismo”, dichiara il ministro Dario Franceschini. “Appena la pandemia terminerà, ci sarà una ripartenza dei consumi culturali molto forte”

Teatro Vascello, Locandiera, Don Giovanni, Roma

La pandemia da Covid19 colpisce duramente le aziende culturali: oltre il 70% stima perdite del 40% del proprio bilancio e il 13% addirittura superiori al 60%. Solo il 22% immagina un futuro ritorno alla normalità, mentre il 50% prospetta una riduzione delle proprie attività. Ben il 73% teme taglio ai fondi. A lanciare l’allarme, il 16/o Rapporto Annuale Federculture Impresa Cultura, sottotitolato “Dal tempo della cura a quello del rilancio”.

Una crisi partita circa vent’anni fa, i dati di Federculture

Il Rapporto spiega anche come il settore non se la passasse bene già da tanti anni. A partire dal miliardo di risorse pubbliche in meno alla cultura negli ultimi vent’anni. E sulla fruizione: dopo un decennio di piena crescita, a partire dal 2010 la partecipazione culturale degli italiani ha visto un forte calo per cinema (- 6,1% negli ultimi dieci anni), teatro (-8,8%), musica classica e leggera (-4,9% e -4,7%). Fanno eccezione i musei, superstar in crescita del 21,5% in vent’anni e del 7% dal 2010, così come siti archeologici e monumenti con +36,8% tra 2001 e 2019 e +19,7% negli ultimi dieci anni.

Nove miliardi di risorse ai settori della cultura e del turismo

“Per fronteggiare l’emergenza, quest’anno siamo arrivati a 9 miliardi di risorse ai settori della cultura e del turismo”, dichiara il ministro Dario Franceschini. ”Tutti i decisori politici, anche quelli più lontani, hanno capito quanto in Italia sia importante l’investimento in cultura. Sono convinto – aggiunge – che tutte le crisi possano offrire opportunità. Adesso dobbiamo aiutare tutte le imprese e i lavoratori del settore ad attraversare questo deserto. Ma appena la pandemia terminerà, ci sarà una ripartenza dei consumi culturali molto forte. La gente avrà voglia di vivere la bellezza, di consumare cultura, di venire a vedere l’Italia”.

Appassionati di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Seguite le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

1 Comment »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: