Skip to content

Nero profondo di Mario Tosto, una mostra tra l’iconografia punk e il meta-umano

Prosegue presso la Galleria Minima arte contemporanea il progetto Nero Profondo di Mario Tosto. In mostra, sino al 30 gennaio, una serie di opere pittoriche tra l’iconografia punk e il meta-umano che partono dai territori della decorazione e della pubblicità per esplorare quelli più intimi dell’esistenza propria dell’arte

Prosegue presso la Galleria Minima arte contemporanea di Mario Tosto il suo progetto Nero Profondo. In mostra una serie di opere pittoriche tra l’iconografia punk e il meta-umano che partono dai territori della decorazione e della pubblicità per esplorare quelli più intimi dell’esistenza propria dell’arte, per raccontare storie ed esprimere il rapporto con la società e il contesto in cui l’artista opera, elaborando le innumerevoli esperienze all’estero.

Leggi su Uozzart.com le altre mostre in corso a Roma

Chi è Mario Tosto

Nato a Roma il 14 Maggio 1942, sin da giovanissimo comincia a dipingere spaziando anche nell’ambito pubblicitario e decorativo. E’ stato presente in collettive, personali ed in esposizioni pubbliche. “Nel mio contemporaneo sociale il mare è simbolo di tragedia ma anche luogo generoso di vita. Il suo destino immutabile dona il senso d’infinito ma anche di tumultuose metamorfosi. L’artista non può cambiare la storia ma deve testimoniare il suo passaggio con una pittura contemporanea visionaria che lasci il segno.”

Info, orari e indirizzo

Date: dal 21 novembre 2020 al 30 gennaio 2021
Luogo: Galleria Minima
Indirizzo: Via del Pellegrino 18
Orari: dal martedì al sabato 16.00 – 19.00 oppure su appuntamento

Appassionati di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Seguite le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: