Skip to content

Sette spose per sette fratelli, al Brancaccio si torna a sognare

In scena al Teatro Brancaccio di Roma, sino al 6 febbraio, Sette spose per sette fratelli, il musical tratto dall’omonimo film prodotto da MGM e diretto da Stanley Donen. Un cast di 22 interpreti, con protagonisti Diana Del Bufalo e Baz, e con l’orchestra dal vivo con la direzione musicale di Peppe Vessicchio…

In scena al Teatro Brancaccio di Roma, sino al 6 febbraio 2022, Settespose per sette fratelli, il musical tratto dall’omonimo film prodotto da MGM e diretto da Stanley Donen. La nuova edizione, prodotta da FDF Entertainment, con la compagnia Roma City Musical e con regia e coreografie di Luciano Cannito, si ispira al celebre film di Hollywood, ma con uno sguardo al mondo ironico e iconico dei western di Quentin Tarantino. Un cast di 22 interpreti, con protagonisti Diana Del Bufalo e Baz, e con l’orchestra dal vivo con la direzione musicale di Peppe Vessicchio.

Scopri gli altri articoli “teatrali” di Uozzart

La trama del musical

Siamo nell’Oregon del 1850, in una fattoria tra le montagne vivono i sette fratelli Pontipee: Adamo, Beniamino, Caleb, Daniele, Efraim, Filidoro e Gedeone. Adamo il fratello maggiore, si rende conto che è arrivata l’ora di trovare una moglie che si occupi della casa e della cucina. In città conosce Milly, la cameriera della locanda del villaggio. Tra i due scocca il colpo di fulmine, si sposano e partono per la fattoria. Arrivati a casa Pontipee, Milly scopre che dovrà prendersi cura non solo del marito, ma anche dei suoi fratelli, sei rozzi montanari rissosi e refrattari all’igiene personale e alle buone maniere. Dopo una certa fatica iniziale, Milly comincia a mettere in riga i sei ragazzi e vedendoli migliorare grazie alle sue cure, comincia segretamente a progettare di unire i sei cognati con le sue amiche del paese.

Diana Del Bufalo talentuosa “regina” e le coreografie di Luciano Cannito

Lo spettacolo, della durata di circa 2 ore, scorre piacevolmente e concede attimi di svago e (finalmente) di leggerezza. Per una serata ci si scorda dell’attuale emergenza sanitaria e ci si ritrova a sorridere e a sognare come non si faceva da un po’. A spiccare, nell’interessante messinscena, le ottime coreografie di Luciano Cannito, alcune di queste davvero impressionanti, come quella del ballo in città, con circa venti personaggi sul palco. E poi, ovviamente, come non parlare del grande talento, per recitazione, canto e, perché no?, anche ballo, di Diana Del Bufalo: ormai non sorprendono più, ma è sempre un gran piacere imbattersi nelle sue straordinarie capacità, apparentemente così naturali.

Le scenografie, i costumi e l’orchestra diretta da Peppe Vessicchio

Buono il resto del cast, che dimostra quell’abile versatilità richiesta per un musical a tutto tondo come questo. Anche tutto ciò che compare su quel palco non ha nulla da invidiare alle grandi produzioni internazionali, grazie all’impianto scenografico di Italo Grassi e ai costumi di Silvia Aymonino. Punta di diamante: la presenza dell’orchestra dal vivo diretta da Peppe Vessicchio. Insomma, un raggio di luce e una carezza per l’anima in un periodo buio e duro come quello attuale.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: