Skip to content

Il dipinto del 1929 – Il grande masturbatore di Salvador Dalí, summa delle ossessioni dell’artista

Era il 1929 quando Salvador Dalí eseguì Il grande masturbatore. Il dipinto, oggi conservato per volere stesso dell’artista al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, fa parte di una serie di pezzi fondati su “destabilizzanti deformazioni onirico-paranoiche”…

Era il 1929 quando Salvador Dalí eseguì Il grande masturbatore. Il dipinto, oggi conservato per volere stesso dell’artista al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, fa parte di una serie di pezzi fondati su “destabilizzanti deformazioni onirico-paranoiche”. Inoltre fu fra i dipinti esposti alla mostra surrealista di Parigi del 1938.

Leggi gli altri articoli della rubrica “Il dipinto dell’anno” su Uozzart.com

Analisi del quadro

Caratterizzato da una complessa iconografia barocca, questo dipinto è anticipatore dell’interesse da parte di Dalí per le “strutture molli”. Proprio come i famosi orologi de La persistenza della memoria. Inoltre racchiude alcuni elementi ricorrenti nella sua produzione e rappresenta una interessante summa delle sue principali ossessioni: le conchiglie, i sassi, la cavalletta, il simbolo fallico, riproposto sia nel pistillo della calla che nella lingua eretta del leone, la fellatio. Ma qui compare anche Gala, sua musa e amante, che dopo averlo conosciuto scelse di rimanergli accanto per sempre.

La genesi dell’opera

L’artista dipinse il quadro a fine estate, dopo aver trascorso alcuni giorni nella tenuta di Dalì presso Cadaqués, nel sud della Spagna, con alcuni amici e con Gala Éluard, quando ancora era moglie del poeta Paul Éluard, tra i maggiori esponenti del movimento surrealista. Tra loro scattò subito un irresistibile colpo di fulmine, tanto che questa decise di far ripartire il marito da solo per Parigi.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: