Skip to content

1793 di Niklas Natt Och Dag – La recensione del libro

Il libro di Niklas Natt Och Dag, edito da Einaudi, è un thriller che fonde sapientemente i canoni del romanzo storico con la letteratura di genere.

1793 di Niklas Natt Och Dag, Einaudi 2019

1793: la trama

Un cadavere orrendamente mutilato viene ripescato nel Fatburen, un piccolo lago nel mezzo dell’Isola di Södermalm (ma più che un lago è un orrendo acquitrino in cui finiscono i liquami di mezza città). Il corpo è straziato, privo degli arti, dei denti e dell lingua. Per indagare su un crimine così efferato viene chiamato Cecil Winge, ex procuratore scrupoloso, innamorato della verità e consumato dalla tubercolosi. Insieme a lui indagherà Mickel Cardell, un reduce che in guerra ha lasciato un braccio (e la serenità), ma che possiede ancora una volontà di ferro e una forza sovrumana.

Leggi anche la recensione di “Con un occhio aperto” di Julian Barnes

Un thriller storico

Nel fondere romanzo storico e thriller l’autore è soprattutto un abile creatore di atmosfere, e in particolare quelle dei bassifondi della Stoccolma della fine del Diciottesimo secolo. Il marcio non è soltanto quello del lago in cui il cadavere viene ripescato ma quello di tutta una città. Ma non dobbiamo dimenticarci in quale anno è ambientato il libro. È il 1793, l’anno del Terrore: l’Ottantanove e i suoi principi si aggirano per l’Europa, potenti e nobili spaventati cercano di arginare il diffondersi delle idee rivoluzionarie, delle idee nuove. Winge, il protagonista, è emblema di questa sete di rinnovamento, del nuovo corso nato dalla Rivoluzione e dalle sue premesse illuministiche.

1793: l’anno della crudeltà

E allora il marcio sarà anche quello di una classe sociale in disfacimento, che ha concluso il suo ciclo vitale. Una nobiltà che è diventata pura decadenza e decide di scomparire in un trionfo di violenza e di furore senza senso. Winge è un anima razionale (anzi razionalista) che s’aggira in un girone infernale, in un altrove sporco e spaventoso in cui si aggirano personaggi che non sarebbero dispiaciuti al Marchese di Sade. Come ogni romanzo storico che si rispetti 1793 mette in scena soprattutto il gioco delle forze che governano e regolano le società. Si tratta molto spesso di forze cieche e brute, dominate dalla violenza e dalla crudeltà, la cui controparte è un ferino istinto di sopravvivenza che annienta qualsiasi umanità.

Leggi anche la recensione di “Persone normali” di Sally Rooney

Un’altra Stoccolma

Poveri, borghesi e nobili intrecciano le loro vicende in un mondo al collasso, sull’orlo di un cambiamento epocale. I rapporti di forza sono indici della crisi; gli abusi sadici e violenti scandiscono la decadenza di un ancien regime che ha i giorni contati in tutta Europa. Tutto questo l’autore lo racconta con il linguaggio del thriller, non lesinando colpi di scena e lasciano il lettore incollato alla pagina. Il risultato è un romanzo affascinante, decisamente riuscito, dalle atmosfere cupe e malsane; la storia ci porta in una Stoccolma “altra”, sporca e violenta, lontana dalle immagini canoniche della città del nord.

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: