Skip to content

I capolavori di Roma: la cupola di San Pietro e la sua magica prospettiva

Last Updated on

Lo sapevate che da via Niccolò Piccolomini la visuale della splendida cupola di San Pietro, a cui lavorò Michelangelo Buonarroti fino alla sua morte, è davvero unica? Vi spieghiamo perché…

Foto tratta da Wikipedia

E’ uno dei principali simboli di Roma e viene simpaticamente denominata da tutti “Cupolone”. Ma è anche uno dei punti più panoramici della città, da cui si può ammirare l’intera Città del Vaticano, sino ai principali quartieri del centro storico capitolino. Simbolo del passaggio dall’architettura rinascimentale a quella barocca, la Cupola di San Pietro fu opera di Michelangelo Buonarroti, che vi lavorò fino all’anno della sua morte, avvenuta nel 1564.

Scopri gli altri capolavori di Roma su Uozzart.com

Foto tratta da Wikipedia

Simbolo di religiosità e di bellezza

La cupola di San Pietro è il simbolo della Basilica vaticana e costituisce la copertura della crociera della basilica stessa. Si tratta di una delle più vaste coperture in muratura mai costruite. Questa presenta un diametro interno di circa 42 metri e porta l’altezza complessiva della basilica, dalla base fino alla sommità della lanterna, ad oltre 130 metri.

Il gioco di prospettive

Da via Piccolomini potete ammirare la cupola in maniera inedita. Percorrete la via, osservando la cupola, ed ecco che più vi avvicinate, più il Cupolone si allontana. Se indietreggiate, la cupola vi sembra più grande e più vicina. Si tratta di un curioso effetto ottico, dovuto alla disposizione degli edifici e al punto di osservazione. Un luogo magico dove concludere in bellezza una serata in centro.

Un restauro (interrotto) lungo quattro anni

Negli ultimi mesi sulla cupola di Michelangelo ha fatto la sua apparizione un grande ponteggio fatto di tubi Innocenti, che pian piano ha circondato la base. Il nuovo cantiere di restauro di San Pietro era stato annunciato nei primi giorni di marzo dall’Osservatore Romano, che ne ha parlato come un grande progetto conservativo, della durata di quattro anni, resosi necessario per il degradato stato di conservazione della superficie di marmo. Poi lo stop legato all’emergenza sanitaria.

Appassionati di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine Facebook, Twitter e Google News

1 Comment »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: