Skip to content

Ode a Francesco Totti – La recensione di “Speravo de morì prima”

Si conclude venerdì la serie Sky sull’ultimo anno e mezzo di carriera calcistica di Francesco Totti; un nostalgico e ironico racconto sopra le righe con Pietro Castellitto nel ruolo dell’ottavo Re di Roma.

Speravo De Morì Prima

Si conclude venerdì su Sky una delle serie italiane più attese, e non solo nella capitale. Preannunciata da simpatici sketch in cui il protagonista Pietro Castellitto incontra Totti, il suo collega e amico Vieri, alcuni fan noti come Venditti e Mannoia, “Speravo de morì prima” è una commedia divertente e commovente, decisamente sopra le righe.

Leggi altri articoli “cinematografici” di Uozzart

La difficile impresa di raccontare Francesco Totti

L’idea di romanzare un evento (l’addio di Totti al calcio) accaduto solo pochi anni fa e ancora così vivo nella memoria degli spettatori è già di per sè un grosso rischio; quella di raccontare un personaggio come Totti, più vicino per molti alla divinità che all’eroe sportivo, è al limite della follia. Con questo pensiero ben in mente, gli autori Stefano Bises e Michele Astori hanno brillantemente aggirato l’ostacolo puntando sull’ironia, sulla caricatura, sull’esagerazione. Il Totti di Castellitto è ancora più Totti di Totti: più goffo nel parlare, più timido, più chiuso. E così anche gli altri personaggi, dalla Ilary di Greta Scarano alllo Spalletti di Tognazzi, dalla mamma Fiorella di Monica Guerritore fino all’Antonio Cassano di Gabriel Montesi, che è una specie di grillo parlante uscito da un film pugliese di Guy Ritchie: un personaggio geniale.

La trama

La serie inizia con il ritorno di Spalletti alla Roma, a gennaio 2016. Totti è alla soglia dei 40 anni e tutti intorno a lui iniziano a pensare alla fine della sua carriera. Tutti, tranne lui. Il calciatore sente di poter dare ancora molto e non vede così vicina la fine dei suoi giorni in campo; ma l’allenatore non è di quest’idea. Un tempo amici e complici, Totti e Spalletti si troveranno a farsi la guerra in campo e fuori, a colpi di interviste e aspre dichiarazioni alla stampa. Ma la vera lotta del protagonista è contro il tempo; quello che è volato con la maglia giallorossa e che, volente o nolente, sta per scadere. Sarà difficile per lui accettare la realtà dei fatti (e forse non l’ha ancora accettata – da qui l’emozionante finale onirico) e superare la paura del futuro ignoto; ma alla fine il nostro eroe riuscirà ad uscire di scena a modo suo, con un commosso addio alla sua curva.

Speravo De Morì Prima
Gianmarco Tognazzi e Pietro Castellitto in “Speravo de morì prima”

Il nostro commento

“Speravo de morì prima” è un oggetto televisivo non identificato. Un po’ biografia e un po’ farsa, intervallata da scene surreali e divertenti, la serie gioca sulla mitologia di Francesco Totti più che sul mero racconto dei fatti. Se per il pubblico romanista duro e puro può essere sembrato “sacrilego”, non stupisce affatto l’endorsement (e il cameo) dello stesso Totti, che negli anni ha dimostrato di avere un’altra grande qualità, oltre quella fisica: l’ironia. In un mare di fiction biografiche tutte uguali, questa serie è una boccata d’aria fresca.

Acquista Mi Chiamo Francesco Totti

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: