Skip to content

Pride, la docuserie sulla lotta per i diritti Lgbtq

In arrivo Pride, la docuserie su FX che racconta settant’anni di lotta per i diritti Lgbtq e tante storie di discriminazioni e violenze. Un racconto in sei episodi, a volte con inedito materiale d’archivio e testimonianze, dagli anni ’50 ad oggi

In arrivo una docuserie, su FX, sui momenti più importanti della lotta per i diritti Lgbtq in settant’anni e su tanti percorsi intimi di discriminazioni e violenze subite, contrastate con coraggio e solidarietà. Un racconto in sei episodi, anche con inedito materiale d’archivio e con testimonianze, dagli anni ’50 all’oggi. Sono stati firmati da cineaste e cineasti queer, come Tom Kalin, Andrew Ahn, Cheryl Dunye, Anthony Caronna Alex Smith, Yance Ford, e Ro Haber. Pride ha debuttato con i primi tre episodi il 14 maggio in Usa su Fx, giusto qualche giorno prima della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, che ricorre il 17 maggio.

Storie di coraggio e di discriminazioni

In ogni decade “che abbiamo affrontato era evidenziare le lotte ma anche l’amore e la gioia, la felicità che la comunità Lgbt era in grado di vivere – spiega la showrunner Alex Stapleton. “Un equilibrio che abbiamo cercato anche nell’episodio sugli anni ’50, particolarmente duro”. Tra le testimonianze, quella di Madeleine Tress, licenziata da un lavoro governativo perché omosessuale. Poi c’è la storia del senatore democratico Lester Hunt, che si suicidò dopo l’arresto del figlio con un uomo che si prostituiva. Si è puntata anche l’attenzione sugli attivisti anche meno conosciuti, come l’afroamericano Bayard Rustin (1912 – 1987), che ha “combattuto per i diritti civili su ogni livello in questo Paese”, aggiunge Stapleton.

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: