Skip to content

Intervista ad Akira Zakamoto: “La mia arte tra film e animali”

Prosegue presso l’Atelier Montez, a Pietralata, la mostra dei record “Be**pArt”, che espone anche le piccole opere dell’artista torinese Akira Zakamoto. Ispirato da tutto, dalle tele dei musei agli scarabocchi dei suoi figli, ma con una forte predilezione per il fantasy, l’artista nasconde nei suoi dipinti stimolanti e colorati messaggi di natura politica e sociale.

Prosegue presso l’Atelier Montez, a Pietralata, la mostra dei record “Be**pArt”, che espone anche le piccole opere dell’artista torinese Akira Zakamoto. Ispirato da tutto, dalle tele dei musei agli scarabocchi dei suoi figli, ma con una forte predilezione per il fantasy, nasconde nei suoi dipinti stimolanti e colorati messaggi di natura politica e sociale. Qui le sue opere in mostra per la collettiva.

Scopri di più su Be**pArt su Uozzart.com

Akira Zakamoto tra pubblicità e regia, arte e cinema

L’artista, all’anagrafe Luca Motolese, nasce a Torino nel 1974 e lì frequenta l’IPS Albe Steiner, a seguire l’Université Stendhal di Grenoble e il Dams di nuovo a Torino. Per diversi anni lavora come art director e regista, prestando i suoi lavori alla pubblicità e al cinema. Nel 2007 fonda Bottega Indaco con Ciro Palumbo e Arte Indaco nel 2008. Oggi vive e lavora fra Torino e Milano ed ha esposto presso gallerie e musei nelle maggiori città.

L’intervista ad Akira Zakamoto: “I miei uomini animali e alienati e i miei lavori che si ispirano a “2001: Odissea nello spazio”

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: