Skip to content

“J.K. Rowling transfobica”, la guerra sui social nei giorni del ventennale del primo Harry Potter

In attesa delle celebrazioni per i 20 anni di Harry Potter e la pietra filosofale, che torna nei cinema italiani dal 9 al 12 dicembre, i social si accendono. Da un lato richieste di boicottaggio legate alle controverse dichiarazioni, ritenute transfobiche, di J.K. Rowling, dall’altro le appassionate difese nei confronti di una saga amata da almeno due generazioni

In attesa delle celebrazioni per i 20 anni di Harry Potter e la pietra filosofale, che torna nei cinema italiani dal 9 al 12 dicembre con Warner Bros, i social si accendono. Da un lato richieste di boicottaggio legate alle controverse dichiarazioni, ritenute transfobiche, di J.K. Rowling. Dall’altro le appassionate difese nei confronti di una saga amata da almeno due generazioni, accompagnate da critiche nei confronti di chi attacca l’autrice britannica ma che non si mobilita allo stesso modo contro registi e attori accusati di violenze.

La guerra su Twitter

Tra gli utenti italiani c’è chi scrive su Twitter di non voler “più supportare in alcun modo un’autrice che utilizza i suoi guadagni e il suo potere mediatico per sostenere cause transfobiche”. Tanti comunque i tweet di chi non intende farsi influenzare da tali controversie. Molti ricordano che J.K. Rowling ha ceduto i diritti dei film alla Warner Bros, quindi non guadagnerebbe nulla da iniziative come questa nuova uscita (ndr, cosa non certa). Altri, pur criticando la scrittrice, sottolineano che “Harry Potter non è J.K Rowling”.

I prossimi progetti, letterari e cinematografici, della Rowling

Le polemiche, comunque, non fermano nuovi progetti nei mondi letterari e cinematografici della scrittrice, tornata da poco in libreria con il romanzo per bambini Il maialino di Natale (Salani). Fra gli altri, il 28 novembre debutterà su Cartoon Network e Tbs il game show evento per ‘Potterheads’ (i fan sfegatati del maghetto) Harry Potter: Hogwarts Tournament of Houses con una conduttrice d’eccezione come Helen Mirren. Mentre il 15 aprile 2022 arriverà in sala il terzo capitolo cinematografica della nuova saga (prequel/spinoff di Harry Potter) Animali Fantastici 3: I Segreti di Silente.

Perché J.K. Rowling è accusata di transfobia

Tutto è iniziato quando J.K. Rowling – la seconda donna più ricca del Regno Unito dopo la regina Elisabetta – si è schierata via Twitter in sostegno di Maya Forstater, licenziata a causa della sua resistenza a una serie di proposte di legge sull’identità di genere. Rowling aveva dato il supporto alla donna sostenendo che non era giusto licenziare una persona “solo per aver detto che il sesso biologico è reale”.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: