Skip to content

UNESCO e ICOM: nel mondo un museo su dieci è a rischio chiusura (definitivamente)

Secondo l’UNESCO e l’International Council of Museums (ICOM), a causa della crisi sanitaria in corso, il 90% dei musei di tutto il mondo, pari a circa 85.000 istituzioni, è temporaneamente chiuso a causa della pandemia. Una parte di questi, però, non riaprirà più…

Secondo l’UNESCO e l’International Council of Museums (ICOM), a causa della crisi sanitaria in corso, alcuni musei saranno costretti a chiudere. Lo studio dell’UNESCO rivela che il 90% dei musei di tutto il mondo, circa 85.000 istituzioni, è temporaneamente chiuso a causa della pandemia. Una parte di questi, però, i battenti non li riaprirà più. Circa il 13% delle istituzioni artistiche, infatti, potrebbe chiudere definitivamente a causa delle gravi perdite finanziarie.

Scopri i siti Unesco italiani su Uozzart.com

Secondo l’UNESCO solo il 5% dei musei in Africa e negli Small Island Developing States sono stati in grado di offrire contenuti digitali durante la pandemia

Secondo l’UNESCO solo il 5% dei musei in Africa e negli Small Island Developing States sono stati in grado di offrire contenuti digitali durante la pandemia. “I musei svolgono un ruolo fondamentale nella resilienza delle società. Dobbiamo aiutarli a far fronte a questa crisi e tenerli in contatto con il loro pubblico”, dichiara il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay.

Le parole del direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay e del presidente dell’ICOM Suay Aksoy

Il presidente dell’ICOM Suay Aksoy, invece, aggiunge: “Siamo pienamente consapevoli e fiduciosi nella tenacia dei professionisti dei musei per affrontare le sfide poste dalla pandemia di Covid-19. Tuttavia, il settore museale non può sopravvivere da solo senza il sostegno del settore pubblico e privato. È indispensabile raccogliere fondi di emergenza e mettere in atto politiche per proteggere i professionisti e i lavoratori autonomi con contratti precari”.

Appassionati di arte, teatro, cinema, libri e cultura? Segui le nostre pagine Facebook, Twitter e Google News

1 Comment »

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: