Skip to content

Garavaglia, “Riaprire per non chiudere più”: le linee programmatiche per il turismo

Last Updated on 17/03/2021

“Il turismo italiano dovrà riaprire dopo il lockdown fino a Pasqua e poi non chiudere più”. Impegno anche per i rimborsi degli operatori del settore: il ministro ha confermato che il decreto Sostegni vedrà la luce questa settimana. Poi aggiunge: “Altre risorse sulle quali bisogna iniziare a mettere la testa: sono i fondi europei a bilancio Pon e Por che sono regionali”...

“Il turismo italiano dovrà riaprire dopo il lockdown fino a Pasqua e poi non chiudere più”. Sono le parole di Massimo Garavaglia, titolare del Ministero del Turismo, in un’audizione in video conferenza alle commissioni Attività produttive riunite di Camera e Senato. Il ministro lancia un programma a breve, medio e lungo termine (in vista del Recovery Plan) con la piena operatività del dicastero pronto a “dare risposte in questo periodo difficile”, ha assicurato Garavaglia.

“L’obiettivo principale è far ripartire prima possibile la stagione turistica 2021 con i flussi interni e internazionali”

“L’obiettivo principale è far ripartire prima possibile la stagione turistica 2021 con i flussi interni e internazionali” ed intanto, “tenere in vita le aziende e rafforzare il sistema dell’industria di questo settore che, prima della pandemia, contribuiva al 13% del Pil italiano”. “Abbiamo trovato risorse importanti, anche ingenti ed il nostro obiettivo è distribuirle il più velocemente possibile e nel modo più equo possibile” ha detto.

Le linee programmatiche del dicastero

Queste le linee programmatiche del dicastero: far ripartire la stagione turistica appena possibile, distribuire le risorse esistenti e spendere bene anche le nuove. E poi sintonia con le Regioni per la promozione del brand Italia già in vista del Giubileo del 2025 e delle Olimpiadi invernali Milano Cortina 2026. Ma soprattutto più in generale rafforzare la capacità produttiva dell’industria del turismo.

Riaprire dopo Pasqua: a breve l’incontro con i ministri dei Trasporti Enrico Giovannini e della Salute Roberto Speranza

“Riteniamo che il periodo difficile sia verso la conclusione e passata Pasqua le cose andranno migliorando. Esistono efficaci e funzionali protocolli di sicurezza – ha aggiunto – che consentono di fare turismo in piena pandemia”. Poi precisa che a breve incontrerà ministri dei Trasporti Enrico Giovannini e della Salute Roberto Speranza per “attivare al meglio il protocollo per una mobilità sicura”. Poi guarda al piano vaccinale come all’uscita dal tunnel a fine estate. “L’obiettivo del governo è terminare il piano vaccinale entro la fine dell’estate per guardare alla prospettiva di un inverno normale”.

Impegno anche per i rimborsi degli operatori del settore

“La prima cosa che ripartirà sarà il turismo”. Impegno anche per i rimborsi degli operatori del settore. “Ci sono circa 228 milioni per agenzie e tour operator, – ha riferito – vedremo in quali modalità accelerare i rimborsi”. Poi il ministro ha confermato che il decreto Sostegni vedrà la luce questa settimana: “sarà il più possibile auto applicativo” e ispirato a una filosofia “diversa su interventi generali e più veloci possibile”.

I fondi europei a bilancio Pon e Por

Ma oltre alle risorse già esistenti Garavaglia ha detto che ci sono “altre risorse sulle quali bisogna iniziare a mettere la testa: sono i fondi europei a bilancio Pon e Por che sono regionali”. Ed è proprio nel rapporto con le Regioni che il ministro punta per “intavolare un dialogo nell’ottica della leale collaborazione e rendere la spesa di queste risorse il più efficace possibile per la creazione di Pil e posti di lavoro il più veloce possibile”. “La buona notizia è che siamo d’accordo sui punti chiave: rivoluzione digitale e promozione unitaria del brand Italia”, ha aggiunto.

Riaprire sì, ma quando? Le previsioni di Ryanair e Easyjet

Garavaglia ha infine citato le compagnie aeree low cost Ryanair e Easyjet. “Ryanair prevede un milione di passeggeri in Italia. Rispetto al nulla dell’anno scorso vuol dire che si riparte, ed Easyjet +250%. Quindi si inizia a veder qualcosa di positivo, però bisogna lavorare già da quest’anno”.

Appassionati di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Seguite le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: