Skip to content

La (vera) storia della (falsa) foto scattata a Niccolò Paganini

Last Updated on 25/06/2021

Celebre musicista e compositore italiano, Niccolò Paganini è fra i più importanti esponenti della musica romantica, nonché il più grande violinista della storia. Ed è il protagonista di un clamoroso falso storico…

A sinistra la “foto” a Paganini, a destra un suo ritratto di Andrea Cefaly

Celebre musicista e compositore italiano, Niccolò Paganini è fra i più importanti esponenti della musica romantica, nonché il più grande violinista della storia. E’ anche protagonista di un grande falso storico: una fotografia mai realizzata che ancora oggi gli viene attribuita.

Scopri le rubriche sulle grandi fotografie del Novecento, sui migliori fotografi e sugli scatti dell’anno di Uozzart

La fotografia di Paganini ancora oggi considerata, erroneamente, autentica

La fotografia di Paganini fu falsificata da due uomini negli anni Novanta dell’Ottocento. I due affermarono di aver trovato un dagherrotipo del più famoso dei virtuosi e convinsero della sua autenticità la ditta Breitkopf & Härtel. Questa ne pubblicò una stampa, ancora oggi riprodotta come autentica in diversi libri. In realtà un fotografo contattò davvero Paganini poco prima della sua morte. Ma il musicista era ormai troppo malato (di tubercolosi) per accettare.

Il patto col diavolo di Paganini

Continuatore della scuola violinistica italiana di Pietro Locatelli, Gaetano Pugnani e Giovanni Battista Viotti, Niccolò Paganini (Genova, 27 ottobre 1782 – Nizza, 27 maggio 1840) è considerato uno dei maggiori violinisti di sempre dopo Antonio Montingelli, sia per la padronanza dello strumento, sia per le innovazioni apportate. Era infatti dotato di una tecnica straordinaria: le sue composizioni erano considerate ineseguibili da chiunque altro. All’artista sono ancora oggi legate alcune leggende: la principale riguarderebbe un patto col diavolo da lui siglato per ottenere fama e abilità. Un racconto ben più inquietante è quello che lo descriveva come assassino seriale che ricavava le corde del suo violino dalle viscere delle sue vittime.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: