Skip to content

Banksy, Kaws e Keith Haring gli street artist più popolari di Instagram

Musement rivela i 10 street artist più popolari di Instagram: a guidare la classifica sono Banksy, Kaws e Keith Haring. A seguire Jean Michel Basquiat, Invader e Shepard Fairey…

Musement, la piattaforma digitale per scoprire e prenotare esperienze di viaggio in tutto il mondo, ha stilato una classifica dei 10 street artist più instagrammati di sempre, composta prendendo in considerazione il numero di menzioni su Instagram di ogni artista. Una classifica senza confini, dall’Europa agli Stati Uniti fino ad arrivare in Brasile, un ottimo modo per ritrovare l’arte irriverente degli street artist più famosi e scoprirne di nuova. A guidarla sono Banksy, Kaws e Keith Haring. A seguire Jean Michel Basquiat, Invader e Shepard Fairey…

Banksy, 2.069.868 menzioni

Con più di 2 milioni di menzioni su Instagram, a condurre la classifica non poteva essere che Banksy. Lo street artist, la cui identità rimane ad oggi ignota, è diventato così popolare che il MoCo di Amsterdam gli ha dedicato una mostra permanente. Le opere dell’artista di Bristol hanno una forte connotazione politica e sociale, dialogando con l’ambiente in cui vengono realizzate. Tra le opere più famose ricordiamo Balloon Girl, Rage, The Flower Thrower e Napalm Girl. Ma l’artista ha sempre un asso nella manica e, tra parchi divertimento distopici e tele che si auto-distruggono, trova sempre il modo di stupirci.

Kaws, 1.644.366 menzioni

L’artista statunitense Kaws ha un animo estremamente poliedrico, proponendo graffiti, murales, ma anche sculture e installazioni, fino ad arrivare al suo contributo artistico nel mondo della moda. I soggetti della sua arte sono iconici, ripetitivi e universali. Companion è senza dubbio il suo personaggio più famoso, una figura a metà fra Mickey Mouse e un teschio, riproposta sotto forma di sculture enormi, murales e persino giocattoli.

Keith Haring, 686.291 menzioni

Un altro grande artista, icona pop per eccellenza degli anni Ottanta, Keith Haring ha fondato la propria identità creativa attraverso i graffiti. Il suo stile è diventato un linguaggio universale, immediatamente riconoscibile e riprodotto all’infinito. Figure stilizzate, colori vivaci, linee di contorno spesse e messaggi chiari ma con significati politici e profondi. A Pisa, su una parete del convento di Sant’Antonio, si trova una delle sue opere più famose, Tuttomondo.

Jean Michel Basquiat, 325.596 menzioni

Questo, statunitense come Kaws , è un writer e pittore che si è imposto nel corso della sua breve vita sulla scena artistica internazionale, contribuendo, insieme a Keith Haring, a portare l’arte urbana nelle gallerie. Dallo stile inconfondibile, l’artista ama amplificare il proprio messaggio inserendo nelle opere frasi significative. Tra i suoi lavori più famosi troviamo Irony of a Negro Policeman, ancora estremamente attuale.

Invader, 277.394 menzioni

Quello di Invader è un vero e proprio progetto di invasione del mondo e, a quanto pare, ci sta riuscendo molto bene anche su Instagram! L’artista, il cui vero nome è Franck Slama, realizza sui muri delle città di tutto il mondo dei piccoli mosaici, raffiguranti i personaggi del famoso videogioco Space Invaders e di altri videogiochi degli anni Ottanta. Per rimanere aggiornati sul processo d’invasione, sul sito dell’artista si può consultare una mappa.

Shepard Fairey, 169.686 menzioni

Shepard Fairey ha iniziato la su carriera molto giovane, facendosi notare con OBEY Giant, una serie di sticker ispirati ad Andrè the Giant, famoso wrestler francese, riprodotti all’infinito. Più di recente, nel 2008, Fairey ha elaborato il poster HOPE che, pur essendo una grafica non ufficiale della campagna elettorale di Barack Obama, ha acquistato una popolarità mondiale, diventando l’immagine più rappresentativa della campagna stessa.

Os Gemeos, 110.666 menzioni

Os Gemeos è un duo composto da due gemelli brasiliani, Otavio e Gustavo Pandolfo, che grazie al loro stile inconfondibile e al loro talento si sono imposti sulla scena artistica internazionale. I soggetti dei loro enormi murales sembrano usciti da un sogno, hanno spesso la pelle gialla e volentieri lanciano messaggi politici e sociali. Per l’Hangar Bicocca hanno realizzato Efêmero, che si ispira alla passata attività dell’Hangar, in cui si fabbricavano locomotive dei treni.

Mr. Brainwash, 93.623 menzioni

Mr. Brainwash, il cui vero nome è Thierry Guetta, è un artista controverso. Un genio secondo alcuni, un impostore secondo altri, la sua esistenza artistica è strettamente legata a quella di altri famosi street artist, a cui si ispira così tanto da appropriarsi di opere intere, che vengono poi rimescolate con altri elementi iconografici.

Stik, 84.686 menzioni

Sebbene l’identità di Stik non sia un mistero, anche di questo graffiti artist di Londra non si sa molto. I suoi personaggi sono degli omini stilizzati, bianchi e giganteschi, che compaiono nei posti più disparati della città. L’obiettivo del suo lavoro è fare qualcosa per la comunità, creare stupore, adornare edifici diroccati, dare un qui e ora a posti che sembrano non avere identità.

C215, 83.865 menzioni

C215 è lo pseudonimo di Christian Guémy, artista di strada francese che utilizza principalmente la tecnica dello stencil. Le sue opere consistono per la maggior parte in primi piani di persone comuni o emarginate, come mendicanti, rifugiati, anziani e bambini. Guémy si è imposto sulla scena grazie al suo stile inconfondibile, contraddistinto da tratti armonici, colori pieni e volti estremamente espressivi.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: