Skip to content

Pulvis et Umbra, la mostra antologica digitale di Emiliano Alfonsi

Last Updated on

Inaugurerà venerdì 8 maggio, online, la mostra “Pulvis et Umbra”, personale antologica di Emiliano Alfonsi a cura di Antonella Caraceni e Giancarlo Battaglia per la galleria Afnakafna di Roma.

Inaugurerà venerdì 8 maggio, online, la mostra Pulvis et Umbra, personale antologica di Emiliano Alfonsi a cura di Antonella Caraceni e Giancarlo Battaglia per la galleria Afnakafna di Roma.

Leggi gli altri approfondimenti per #Laculturaincasa e per #Iorestoacasa

Le opere in mostra

Un percorso che permette di oltrepassare la condizione del reale e di intraprendere un viaggio immaginario di conoscenza e complicità dei suoi preziosi segni. Un affascinante gioco di paradossi tra il misticismo di una pittura dai tratti antichi e il contemporaneo teatro tecnologico nel quale si rivela. La mostra diffonde quel caleidoscopio di raffinata interpretazione formale di sentimenti interiori profondi e di esperienze tradotte in narrazione che rappresenta la trama artistica di Emiliano Alfonsi.

Tra sacro e profano, tra fiaba e realtà

Le opere esposte suscitano riflessioni, ci invitano a svelare un sottile sipario di mistero che avvolge le possibili aperture di un labirinto espressivo sensibile e intrigante. Il volto segreto di un classicismo declinato in una contemporaneità di impulsi e significati rappresenta il tratto distintivo del suo percorso artistico. In alcune delle sue opere ritroviamo il rimando formale di alcuni caratteri stilistici dell’architettura medievale. Come le vetrate istoriate, racconto mistico trasposto su superfici in grado di modulare la luce naturale e trasformarla in strumento emozionale attraverso la forza del colore. E’ inoltre attraverso il linguaggio del colore che Emiliano Alfonsi ci guida nel suo mondo. Volutamente al limite tra sacro e profano, tra fiaba e realtà, tra forza e fragilità umane. Tra le diverse dimensioni del tempo, tra il segno e il suo significato più recondito e universale.

Il valore inconfondibile del ritmo armonico della luce e dell’ombra

L’utilizzo di preziosi pigmenti d’oro, così come quello più classico della tempera, sono inoltre nobili retaggi di tecniche di antica memoria pittorica. In un gioco inesauribile di rimandi concettuali le antiche alchimie si trovano a dialogare con superfici dai toni cromatici più rarefatti. E’ il magico contrasto del mistero della vita, fantastico teatro di splendori ed enigmi, di memorie e prospettive. Alfonsi ci mostra il valore inconfondibile del ritmo armonico della luce e dell’ombra. Ci mostra la sostanza eterna della nostra natura, attraverso gli sguardi indagatori delle sue creature senza tempo.

La mostra verrà inaugurata virtualmente on-line: https://publish.exhibbit.com/gallery/01315568/solo-gallery-21304/. Le opere saranno pubblicate e disponibili alla vendita sulla pagina sul portale ARTSY. https://www.artsy.net/show/afnakafna-pulvis-et-umbra

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Seguite le nostre pagine Facebook, Twitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: