Skip to content

Il dipinto del 1851: Ophelia di John Everett Millais

Fu il pittore preraffaellita John Everett Millais a realizzare Ophelia, nel biennio 1851-1852. Si tratta di un dipinto a olio su tela oggi appartente alla collezione della Tate Gallery di Londra. Un omaggio, ovviamente, a uno dei protagonisti dell’Amleto di William Shakespeare...

Fu il pittore preraffaellita John Everett Millais a realizzare Ophelia, nel biennio 1851-1852. Si tratta di un dipinto a olio su tela di 76,2×111,8 cm e appartiene alla collezione della Tate Gallery di Londra. Un omaggio, ovviamente, a Ofelia, uno dei protagonisti dell’Amleto di William Shakespeare.

Leggi gli altri articoli delle rubriche “Il dipinto dell’anno” e “Curiosità sui capolavori dell’arte” su Uozzart.com

Analisi dell’opera

Ofelia si presenta distesa sulla superficie fluttuante, proprio appena caduta nel ruscello. Dalle sue mani aperte fuoriescono i fiori del mazzo che si disperdono sulle acque in uno spazio efficacemente autentico. Ci sono, infatti, alcuni animali, tra cui un pettirosso ed un ratto d’acqua, e persino un teschio, che completano la scenografia. La ragazza non oppone alcuna resistenza alla corrente, anzi vi si abbandona completamente. E questo sarà il suo fangoso sepolcro.

Il ruolo dei fiori nell’interpretazione di Millais

Millais attribuisce alla flora ivi rappresentata un forte valore simbolico. Si discute, infatti, sul perché di tale raffigurazione. Molto probabilmente perché l’autore ha attinto direttamente dalla tragedia shakesperiana, ma soprattutto, per il denso valore simbolico. I fiori sparsi vogliono evidenziare, dunque, la fragilità della vita che l’infelice fanciulla ha vissuto.

Appassionati di arte, teatro, cinema, architettura, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitter e Google News

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: