Skip to content

Il dipinto del 1954 – Il Corpus Hypercubus di Salvador Dalí e la sua quarta dimensione

L’olio su tela Corpus Hypercubus fu realizzato nel 1954 dal pittore Salvador Dalí ed è oggi conservato nel Metropolitan Museum of Art di New York. Scopriamo perché la croce viene raffigurata in questo modo

L’olio su tela Corpus Hypercubus (58,4 × 73,7 cm) fu realizzato nel 1954 dal pittore Salvador Dalí. Ed è conservato nel Metropolitan Museum of Art di New York.

Leggi gli altri articoli della rubrica “Il dipinto dell’anno” su Uozzart.com

Analisi dell’opera

Come il titolo della tela anticipa, qui la croce di Cristo è sospesa nell’aria, accostata ad una struttura fatta da otto cubi che simulano la sua forma, ma che in realtà esprimono la rappresentazione dello sviluppo di un solido che si studia nella geometria della “quarta dimensione”. Parliamo del tesseratto, ossia un ipercubo quadridimensionale, che ha proprio come “facce” otto cubi.

L’arte sacra incontra la razionalità geometrica

Anche in quest’opera, quindi, l’artista catalano fonde i temi dell’arte sacra con quelli più razionali delle strutture geometriche. Il linguaggio pittorico surreale si esprime attraverso la figura della Madonna, raffigurata con un’acconciatura moderna e con abbondanti vesti. Oltre a un grandissimo pavimento a scacchiera, su cui si proietta anche l’ombra della croce, quasi a sottolineare il netto confine tra naturale e soprannaturale,si intravede infine un cupo paesaggio notturno.

Appassionato di arte, teatro, cinema, libri, spettacolo e cultura? Segui le nostre pagine FacebookTwitterGoogle News e iscriviti alla nostra newsletter.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: